Un Sacrificio

Il corpo aggraziato, inguainato in un’aderente tuta di pelle viola, si fletteva sinuoso, scosso da una ritmicità dolce e costante.
L’urna, disposta sull’altare di argilla di fronte alla donna, mostrava preziose gemme incastonate sulla grezza superficie di metallo. Era un oggetto molto antico: alcune fonti, ritenute molto attendibili dalla sacerdotessa che le stava davanti, parlavano di un oggetto già appartenuto ad un oscuro mago babilonese. Si vociferava anche sulle remote origini del suo creatore, un orafo vissuto a Sodoma, dalla cui bottega erano usciti numerosi oggetti preziosi tuttora usati da diversi negromanti sparsi nel continente.
La donna allargò le gambe e alzò le braccia al cielo. I lunghi capelli castani percorsi da un fremito irresistibile. Il volto, truccato con diversi simboli iniziatici, lasciava intravedere i lineamenti di una giovane affascinante. I seni prosperosi e le cosce ben tornite completavano la bellezza di questa creatura selvaggia e feroce.
La donna urlò poche parole in una lingua arcaica e ormai pressochè sconosciuta. I pochi in grado di interpretare quei versi, avrebbero udito invocare “un dio oscuro a cui si chiedeva di pazientare ancora”.
L’ampia stanza riecheggiò di quelle urla, mentre la quasi totale oscurità accentuava il senso drammatico di quella preghiera.
La donna si ricompose, raccolse delicatamente l’urna e la ripose in una piccola nicchia ricavata nel piedistallo di un’enorme statua di pietra situata dietro all’altare.
L’essere rappresentato dalla scultura aveva fattezze pressochè sconosciute ai cittadini di Kamad, luogo dove la statua si trovava.
La giovane sacerdotessa uscì da una piccola porta ricavata nella parete opposta a quella dove si trovava l’altare.
Peter Montalvo, modesto mercante di vestiti per schiavi, si aggirava sperso per le vie del porto di Kamad. Era ormai sera e solo la luna, aiutata da poche torce appese ai muri, combatteva contro l’oscurità ormai prossima.
Aveva udito molte voci che parlavano con oscuro terrore delle violenze e delle misteriose sparizioni avvenute in quella zona.
D’altronde, il misero valore delle ricchezze che portava con se, lo rassicuravano dal rischio di eventuali rapine.
Inoltre doveva trovare la sperduta bottega di un mercante che gli aveva promesso la fornitura di cinquanta tuniche ad un prezzo bassissimo. Desistere dalla ricerca significava voltare le spalle a un comodo guadagno sicuro.
Stava camminando da circa dieci minuti tra gli stretti vicoli adiacenti al porto, molti dei quali senza uscita. Si era ripromesso di chiedere l’esatta locazione del negozio che cercava al primo passante incontrato.
Continuò a percorrere il viottolo che aveva imboccato, sperando di incrociare un passante presso il quale informarsi.
Arrivò alla fine del viottolo, e ciò che vide lo sorprese enormemente.
Un’enorme piazza delimitata da muri di granito alti circa tre metri. Il pavimento era di un ambiguo color verdastro, che il mercante scambiò per argilla colorata.
Al centro della piazza si stagliava un’enorme statua dalle forme inedite per i suoi occhi: la base era composta da uno sgraziato corpo triangolare rovesciato. Sulla base poggiavano tre corpi distinti:il primo raffigurava una lucertola alata dalle molte zampe; il secondo rappresentava un numero arabo (il 7) avvinghiato da robuste catene; il terzo ed ultimo mostrava un piccolo cerchio circondato da quattro massicci esagoni.
Avvicinandosi lentamente alla statua il mercante individuò quattro figure che danzavano ai piedi del monumento. Si trattava di quattro giovani donne dai corpi provocanti.
Montalvo le classificò come prostitute ubriache appartenenti a qualche bordello della città.
Si avvicinò ulteriormente alle danzatrici, che davano la schiena all’uomo agitando selvaggiamente le loro lunghe chiome.
Richiamò la loro attenzione con un saluto. Una delle giovani si girò avvicinandosi al mercante con aria accondiscendente. Era molto bella, nonostante i lineamenti decisi e i strani segni dipinti sul volto.
La donna posò la mano destra sulla spalla del mercante. Prima che potesse reagire quest’ultimo si accorse di avere la spalla fratturata.
Immediatamente l’uomo cercò di allontanarsi da quelle femmine impazzite. Cercò di riattraversare la piazza per imboccare il viottolo dal quale era arrivato. Dopo aver percorso qualche metro si accorse che la strana sostanza che rivestiva il terreno divenne melmosa e impraticabile. Cercò disperatamente di continuare la sua corsa, ma ben presto dovette arrestarsi stremato. Si voltò verso la donna che lo aveva aggredito, cercando di capire le sue intenzioni. Quest’ultima spiccò un salto notevole e con un calcio lo colpì in pieno volto. Il mercante svenne assalito dal dolore.
Quando si risvegliò gettò uno sguardo sul nuovo ambiente che lo circondava.
Si trovava in un ampio locale poco illuminato. Un altare e un’enorme statua posta alle sue spalle, identica a quella già vista sulla piazza, dominavano la scena.
Il mercante era in piedi, ma si rese conto di essere completamente immobilizzato: una di quelle sgualdrine doveva averlo drogato o qualcosa del genere.
Improvvisamente udì alle sue spalle un rumore di passi. Si voltò, per quanto il suo collo gli consentiva, e notò una donna castana vestita in una tuta di pelle viola che camminava verso di lui. Portava con sè una robusta frusta e un misterioso sacco di tela rosso.
– “Ti chiedo pietà, donna. Chiunque tu sia.”
Prima di rispondere la sacerdotessa lasciò trapelare un sorriso di scherno.
– “Non capitano molti intrusi nella piazza sacra dove tu sei arrivato questa sera, e il nostro dio chiede un sacrificio da molto tempo. Io, come sacerdotessa non posso sottrarmi al suo volere. Soffrirai molto misero mercante, ma questo è il suo volere.”
Peter Montalvo capì di non avere altre speranze: presto le sue urla avrebbero riempito le ampie volte del salone.

Un pensiero su “Un Sacrificio”

  1. stefano ma sei prorpio tu?? lo stefano folli di via maffi???
    se si, è incredibile che tra tanti io abbia scelto proprio di leggere i tuoi racconti che sono bellissimi.
    ti ricordi di me? sono erica.
    fatti sentire la mia mail è
    ericabra1@yahoo.it
    ciao
    erica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *