Amico

Tu amico, tu maschio,

tu che rinneghi la tua parte femminile,

quel bisogno di tenerezza e dolcezza.

Tu stai di fronte a me,

sotto la tua corazza di virilità,

hai paura che io ti penetri, l’anima

ti riveli la tua identità,

così fragile, paurosa, incompleta.

 

Si, con te amico, voglio ridere

come nel tempo dell’infanzia,

poi, tenerti per mano e parlarti.

Parlarti di noi, della vita

piangere se vuoi,

su quelli che volevamo essere

e quelli che siamo invece.

 

Amico, quando butti giù la maschera

sappiamo essere forti in due,

lo senti, com’è bello.

Il domani è ancora nostro

resta, accanto a me amico, uomo;

è questa l’amicizia che cerchiamo.

8 pensieri su “Amico”

  1. L’uomo non spesso toglie la corazza, per proteggersi, probabilmente, a volte anche con la propria compagna.
    Certo, mettere a nudo la propria anima può comportare graffi anche profondi, ma dovrebbe imparare a scegliere con chi farlo. Allora, il cammino sarebbe molto più luminoso e completo.
    Un caro saluto.
    Sandra

  2. Come era facile essere amici da bambini.
    Molto bella, grazie.

  3. Un cielo diviso a metà con soli propri e nuvole e tempeste: il cielo degli uomini e l’altra metà del cielo, quella delle donne.
    Uomini e donne, sfumature bibliche, mondi diversi che seguono orbite proprie e non impattano mai se non con conseguenze impreviste e strane….
    Talvolta succede ed è strepitoso!
    a.

  4. X Sandra, spesso certe insicurezze vengono da una cultura distorta, certo si dovrebbe sapere con chi aprirsi, ed apprezzare le proprie differenze, forze e debolezze.
    Grazie della tua condivisione, e cari saluti
    EMA

  5. X Francesca, è come dici, era molto più facile da fanciulli, ancora non condizionati dai ruoli imposti dalla società.
    Grazie di avermi letto e apprezzato
    EMA

  6. X Anna, sì quando succede è splendido, dovrebbe succedere più spesso, per la felicità del genere umano.
    Saluti, grazie
    EMA

  7. X Folletto, a volte la verità è un po’ amara, ma è bene conoscerla, per poi apprezzarci meglio.
    Grazie, saluti
    EMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *