Insonnia d’Amore

La tua partenza è domani.
Ci siamo salutati con eccessiva cordialità.
In una tensione gravida di cose non dette.
Io avrei potuto darti risposte concrete e assolute.
Tu, troppo occupato ad inseguire il treno colmo d’iniziatici miraggi, hai dimostrato indolenza nel carpire e afferrare tutti i miei appunti di volo.

E’ oramai notte fonda e devo ripararmi nella mia dimora.
Ho fatto predisporre un piccolo scrittoio di legno di cedro.
Pout pourri e coppe con petali di fiori, incensieri d’ottone e vasetti di cristallo pieni di confetti con tappi d’ambra molata.
Tovagliato e cortesia in morbido tessuto di fiandra e cuscini sparsi ovunque, odorosi di tegumenti d’olio essenziale di macis.
Nella scelta della qualità dei singoli prodotti, regna un’indescrivibile eccitazione.
Come una proverbiale direttrice di scena, ho immediatamente intuito l’esaltazione nell’occhio del mio sovrapposto.
Ingiustificata, senza comprensione.
Poiché la mia veglia cronica non è altro che una costipazione.
Un’intossicazione di carta e d’Amore.

Il giovane portiere, al piano terra, mi rifila tra le mani un prisma di bacetti al cioccolato.
Appeso alla corolla di raso blu, recita il biglietto: “Ora è notte”.
Strano per la scrittura ed anche per lo stile.
Quasi il nutrimento in un voluttuoso precetto di un immacolato utente dall’inchiostro simpatico.
Deduco alla fine, sia l’omaggio dolce di un altro uomo, uscito timidamente in avanscoperta dal mio piccolo branco di scorpene melliflue.

Ho lo stomaco pieno d’assenzio che mi torna in bocca, mentre l’ascensore del Grand Hotel Royal precipita verso le stelle.
Nella metafora comune dei più nobili Sentimenti, devo escogitare qualcosa per diluire ed evaporare la tua presenza.
Questa modesta alterazione di nefandezze mi permette di rimirarmi ancora allo specchio con lo stesso coraggio di sempre.
E depredare ogni palpito in eccesso.
Senza cipria né rossetto, sento l’ultima stilla d’alcool adulterarmi il grembo.
Nella peculiarità di un sentore intrepido, decido che qualcosa è incompiuto e devio il percorso, per raggiungerti nella tua stanza.
E calare finalmente le mie carte.

Come nella chimica della libido, attribuisco lo stato d’agitazione e spoliazione, alla stessa stregua di una droga o di una pozione miracolosa.
Per solitudine ritrovata, rinascerò stavolta nella sterminata fascia di petali del mio notturno, che tutti gli altri allentano, per seguire il ritmo del sonno confortevole.

Sempre sposa alla naturale onniscienza, sto per congiungermi all’evento.
Nell’incandescente fornace di ricercato stile, passerò le ore a macchiarti di percezione e penna.
Conoscendo oramai a memoria tutte le tue pieghe e le opere stampate nei vecchi trafiletti di giornale.
Mirabilie che hanno germogliato fatua luce, per corrompere e adulterare il mio cuore.
Ceralacca nobile e carta da lettere profumata.

Incastro il passpartout e apro la porta.
La notte appare semplice come una linea retta.
Nel mio delirante vanto mi aggiro intorno al letto matrimoniale disfatto.
Tu dormi.
Con circospezione, in gran segreto.
Come un’ospite che non vuole disturbare, mi avvicino allo scrittoio, bruciando alla candela tutti i vessilli corteggiati sulle requie.
Le parole che non hai detto.

Guardando il corpo disteso e nudo e mi convinco che ho ragione.
Quella carne bianca e tenera come burro da spalmare sul pane degli Angeli.
Pronta a lasciarsi infiltrare, bacio dopo bacio in una croccante competizione dietro la quale non ha mai smesso di pulsare l’arduo gioco delle sistole e delle diastole.

Se potessi raccontarti i dettagli della mia vera storia, non riusciresti mai a capire.
Oramai sei tu, invischiato in un groviglio d’apparenza e casualità obbligata.
Io ti ho solo istruito a svolgere un compito nel quale ogni mossa disorienta e porta lontano.
Il mistero del passato, il corteggiamento degli animi, il minuetto degli aggettivi e della sintassi.
Sei talmente confuso che non sai nemmeno distinguere in un abisso di benessere, il solenne godimento che interviene e soccorre gli amplessi trasudati di riflesso nelle specchiere lucenti.

La mia maniacale propensione a vivisezionare tutte le ammonizioni illustrate e le intonazioni della voce.
Sono io che ti opprimo con i miei muri spessi, nei quali ho vissuto prigioniera spalancando porte e finestre per dare alla luce una libertà alacre ed evanescente.
Aprendo i cancelli che non portano a nessun luogo, ieri come oggi, con tutta la sorveglianza rivolta alla mia insonne materia lignea, così visibilmente complice nel conservare la sua corteccia densa e contorta che annuso e sfoglio, a filo di pagina.

La nostra camera.
Le pause insolite in una fede di cavezza, più forte delle catene e più tenaci dei grani liberati nella galleria di quadri viventi.
Quella Primavera appesa che mi hai regalato.
Il gruppo immobile di persone vive, sospese nel rossore del bengala su quello di tenue arancio.
Il quadro che mi ha adescato in silenzio, giace arrampicato verso l’arcata e sfrangiato d’antica filigrana.

La tua bellezza arresa davanti ai miei occhi, vivifica una volontà di riaffermare la più grande Passione d’Amore in una stagione di picche senza prese né regine su cui puntare.
Sul tavolo delle possibilità ancora esistenti, nell’onnipresenza potenziale dove ogni lembo di carta forma una coppia, solo io rimango in gara.
Tu, mio compagno, sei degnamente scartato.

Mi avvicino al letto attraverso un fluido invisibile che mi unisce, la vena connettiva che ci lega l’uno l’altro e disegna un cerchio nuovo, freddo.
Rotondo, come la ruota di uno zero.

A quest’ora il silenzio è talmente profondo che pare di udire perfino il fruscio dell’acqua scorrere nelle vecchie tubature idrauliche.
Come per vocazione, rimango in balia a seguire le scintillanti linee gemelle delle sopracciglia e le labbra morbide che si schiudono.
Sento le palpitazioni che mi picchiano le tempie, mentre fisso disfatta i tuoi occhi serrati e forieri.

Se solo volessi, potrei scorgere sotto le lenzuola la collinetta rigonfia del tuo sesso.
Che non oso toccare.

Seguo il solco delle vive rughe con tenerezza.
Io che non ho paura dei silenzi e delle facce vuote e bianche.
Tremo di fronte a queste fessure cremisi, tralignando fuori dai limiti di questa nuova straripante contingenza.
Le ombre si adagiano su di me, coprendomi con un fitto strato di tinte scure.
Penetro in grassetto la fitta cabala d’associazioni con parole sfatte e incantatrici.

Sangue e inchiostro.
Perché ogni esistenza ha la sua croce ed ogni corpo la sua crepa.
Una convulsa fascia ludica intessuta di dialoghi morsicati.
Spari, fuochi, dispacci, smentite.
L’improvvisa esplosione avvolta in un omogeneo e insensato gioco di valori.
L’esperienza drammatica d’Amore e Delitto forma blocchi imprevedibili.
Sbocchi impossibili.

Con te volevo credere che era ancora possibile amare ad antri aperti e scoscesi.
Che ogni volta appaiono più morbidi e impregnati.
Rimangono lì, appesi alla parete o legati alle mie mani per invischiarmi nella viscosa ragnatela del pentimento fulmineo.
Mi afferra la gola invece che le labbra e disonora la mia sbiadita e crudele Sindone che protegge il tempo e il ricordo.

Quindi non è possibile sperare nell’umido scalpiccio di due cervi impigliati per le corna.
Ammettere di aver perso è sventrarsi della prima crepa.
Poi della seconda.

Mi chiedo oggi a che serve perseverare con una sensazione obliqua che è solo apparenza all’inclinazione degli eventi.
Forse è venuto il momento di restituirmi quello che ho perduto.
Se non per me, per l’altra donna che viene dopo di me.
Magari più ironica e generosa, meno azzardata e attentatrice.

Fuggo via nell’articolato intrigo di cunicoli, sporgenze, falsi angoli che rendono il mio animo complicato e labirintico.
Sto per sgusciare da un’oscura lotta intestina o forse è un semplice cambio di guardia.
I recalcitranti Inseparabili cominciano a pestarsi la coda.
Il risveglio brusco nella cesura netta tra la notte e il giorno, segue modalità squisitamente crude e accecanti.

Oramai sono solo un trofeo da esibire con diritto e rassegnazione alla luce del sole.
Il punto d’osservazione in cui mi trovo non mostra più niente di quello che ho scritto stavolta.
Il riposo e la simulazione non sono richieste, in questo versante d’esplorazioni.

Sono una somma d’immagini deformate dei miei trofei, che messe insieme celano dall’indiscrezione degli sguardi altrui.
Le identità utili, che più per compagnia e consolazione, sembrano sopravvissute per la solitudine e la viandanza.

Rientro nel mio appartamento e sorprendo qualcuno in piedi, davanti allo scrittoio di legno di cedro, con le spalle curve e le mani nervose.
Sta frugando tra i miei fogli segreti.
E’ il giovane portiere.
“Ora è giorno” mi sorride.

Tra zuccherosi baci e note fresche come la vita buia scolpita dagli eventi, approda l’epilogo appassionato di una partita a carte, capace di rallegrare ogni specie d’indivisibile congiunto.

Consumiamo insieme la colazione, tra fasci ingombranti di giornali e falotiche novelle e indiscrezioni.
Sussurrati e ridenti nella fragranza dei petali di fiori ed essenze di macis.

Ho la lingua dolce di cioccolata mentre l’ascensore del Grand Hotel Royal si affretta a planare al piano terra.

Grata di Veglia e d’Amore, costringerò anche oggi i miei interventi ad una morsa d’ali d’Angelo e di Demonio, per spalancare buoni modelli di vita in trama leggera.
Capaci di ospitare e raccontare ogni specie d’Inseparabile riunito.
Noto in tutti i reparti, che qualche eletto ha predisposto celle aperte e spiragli su un qualsiasi lato.
Un reticolato intelligente e adatto ad un fornito e ardito allevamento.

Oramai il tuo sonno interminabile non mi riguarda.
Ci penserà qualcun altro a somministrarti il conto, alla partenza.

Non riconoscendo ostacoli mentali e sensibili, né penne sbavate d’inchiostro indelebile, rientro serena in ufficio.

Le sistemazioni migliori per me insonne, rimangono sempre gli appunti di volo.
Non rischiando d’obliterare il biglietto, per un nuovo surreale approdo d’Amore.

2 pensieri su “Insonnia d’Amore”

  1. Salve.
    Sperando che questa mia specie di commento susciti un minimo del tuo interesse, ammetto che da tempo seguo con attenzione i tuoi lavori (sempre se in tal modo li consideri). A dir la verità devo dire che faccio un pò di fatica nella comprensione, ma non sto qui a criticare il tuo modo di scrivere. Poichè credo che in questa vita o tutto ha un significato, o tutto non significa assolutamente nulla, hai tutto il mio rispetto. Sarei onorato di poterti scambiare pensieri faccia a faccia con te.
    Saluti, Lafcadio.

  2. Salve a te, Lafcadio.
    La mia Passione alla pratica della scrittura verte su una dimensione intima e psichica che niente ha a che fare col “professionismo”. In questo senso io ritengo che si può essere “scrittori” senza necessariamente sceverarne il senso oppure addirittura non scrivendo nulla.

    Comprendo la tua riflessione; io sono una rete confusa di cabrate che seguitano a contorcersi nel vuoto, per riaprirsi in una traiettoria di miriadi di discorsi.
    Nel mio minuscolo scrittoio alterabile, si fa sempre più forte il potere della mia indole e della mia volontà.
    Un magnete con cui saprò ritrovarmi.
    E in pochi istanti rapidi, prima di andare via, ti assicuro che raccoglierò i miei sciocchi fogli e farò ordine.
    Per giustizia e impegno.
    Un lavoro di prim’ordine, sempre.

    Scrivere.
    Racconti dei quali, magari, i lettori vorrebbero avere maggiori “garanzie” .
    Puoi contattarmi privatamente alla mia mail.
    Saro’ lieta di risponderti.
    Ciao. Greta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *