Tra le onde di un sogno

Oh, Croce Santa,

racconti ancora di Lui,

e della sua voce

che nella notte

fino al crepuscolo placa

il dolore.

E tu Santa Pasqua,

racconti ancora

quella fiaba che oltrepassa

i mari per posarsi esausta

nel grigio specchio

degli occhi di un bambino

che bolle di sapone

non vede più!

Dai Gesù,

in questa notte Santa,

prendimi per mano,

e con ali di carta

solcheremo le nevi,

le goccioline di stelle…

riportandomi il sorriso

là, dove il ricordo di Te,

è miele amaro di frammenti

di un “ti ho cercato”

in primavera,

tra le luci spente dell’inverno,

nella malinconica corsa autunnale,

perdendoti nei giorni vuoti

dell’estate, tra onde

di un sogno spento

di Te innamorato sempre di me!

Un pensiero su “Tra le onde di un sogno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *