Fare il professore

Premessa: questa poesia non ha alcunchè di romantico, descrive solo uno spaccato di vita di chi fa questa professione con un certo impegno; non ha altre ptretese.

 

Suona la campanella

Tutti in classe

Fare l’appello

Segnare le assenze

Spiegare la lezione

Correggere i compiti

Fare le verifiche della preparazione

Effettuare le correzioni e dare il voto

Preparare le lezioni per l’indomani

Fare notte e sudare sui libri

Fare mattino e correre a scuola

Nessun privilegio, nessuna preferenza

Se non un comportamento onesto e leale

verso genitori e alunni

figli del domani

nelle nostre mani.



6 Commenti per “Fare il professore

  1. E’ davvero così… ma a me piaceva e non mi pesava, avrei pagato per farlo. Anzi, ancor oggi, alla mia veneranda età, lo faccio, e non chiedo niente in cambio. Vabbè… il discorso è lungo, magari ci scriverò un racconto.
    Volevo solo dire che la poesia l’ho letta così come si beve un bicchiere d’acqua di sorgente, alla temperatura giusta. E’ andata giù liscia liscia… ciaociao e Buon Natale.

  2. Per Jack, Grazie del tuo commento, naturalmente non è tutto meccanicistico, però ci sono delle cose da fare e facendo queste cose, i cui contenuti naturalmente cambiano da materia a materia, forse si trasmette qualcosa di più profondo: una certa passione, un certo modo di vedere le cose, si spera con un pò di lato umano… Ciao e Buon Natale di cuore da sergio donatantonio

  3. Per Anna, grazie del commento e infiniti Auguri di Buon Natale. Ciao da sergio donatantonio

  4. Proprio questa mattina facevo un pensiero sulla scuola e chi ci lavora.
    Dare l’opportunità ai nostri figli di provare strumenti leggere racconti ed interpretare i vari modi di stare al mondo.
    Quanto siete bravi, vi ammiro per come sapete fare le cose nonostante il paese non vi sostenga più di tanto.
    Quindi dico, priorità assoluta alle scuole e agli insegnanti.
    Assolutamente, stipendi a livello europeo e strumenti di ogni tipo per insegnare.
    Bisogna crederci e io ci credo.
    Grazie e buone feste.

  5. Per folletto, grazie della lettura e dell’incoraggiamento, purtroppo la scuola vive e non da ora momenti difficili… Personalmente io penso che chi lavora in questo mondo dovrebbe farlo anzitutto con una profonda motivazione personale, che implica tanto impegno, che alla fine della fiera dovrebbe pur comportare una soddisfazione economica: ma ribadisco che non deve essere assolutamente questa la prima motivazione, insomma chi fa questo mestiere non dovrebbe farlo per soldi e basta, ma per motivi di ben più solido valore. Ciao e grazie di nuovo da sergio donatantonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *