Vivo, non vivo

Vivo, non vivo;
dormo, non dormo;
privo, non privo
di ciò di cui ho bisogno.
Respiro.

M’aggrappo,
a ciò che non m’appartiene.
M’allungo,
disperatamente,
per raggiungere.

Schivo, non schivo.
Subisco, e ferisco,
a morte e a vita.
Perché son vivo
e non son vivo.

Perché son privo
del mio respiro.
Son un ladro nella notte
bugiarda,
furtivo.

M’aggrappo
alle speranze perdute.
M’allungo
più lontano del sole.
Ma non vivo.

Poi vivo,
esplodo, e godo
a pieno della notte
ladra:
Furtiva, bugiarda.

2 pensieri su “Vivo, non vivo”

  1. Soli si vive e non si vive… Si ama e non si ama…
    Hai individuato in modo ben definito lo stato d’animo e ne hai fatto poesia.
    a.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *