La mantide

Non lasciarti incantare
dal pieno e turgido seno
né dalle morbide curve dei fianchi

Non lasciarti bruciare
dal fuoco che arde
né dal nettare che aspergo

Non amarmi
queste coppe secernon veleno
e l’inquietudine trasformerò in terrore
quando le cosce stringerò
ai tuoi fianchi

Non amarmi
corri lontano dall’ingannevole canto
fa’ sì
che le parole cadan nel vuoto
dimentica le turbative del corpo
e impara

Non amarmi
non voltarti e fuggi
prima che sia troppo tardi
prima che come mantide
trafigga e fagociti quel che resta di te

Non amarmi
se ancora lo puoi
non son femmina che tu possa amare
né ardore che tu possa placare
o follia che tu possa sedare

Non amarmi
niente ormai più mi appartiene
delirio che imbriglia e incatena
padrone si è fatto di me.

Irene_enerI

 

5 pensieri su “La mantide”

  1. se anche il tuo sodo seno
    fosse fulgido come il sole
    non potrebbe mai offuscare la mia vista
    ne mai inebriare i miei sensi

    se il fuoco che incendia la mia anima
    potesse consumarmi
    allora
    ben presto morirebbero le stelle

    se il veleno potesse uccidermi
    o il terrore farmi tremare
    allora i miei fianchi
    diverranno una sol cosa con i tuoi

    non posso udir canto di sirena
    che riesca ad incantarmi
    non odo parole
    ma imparo salo dai miei sensi

    se come mantide
    vorrai riempire le tue membra
    dei miei pensieri
    saggerai la gioia d’esser viva

    non esiste amor
    che non si possa vivere
    non esiste ardore
    che non si possa godere

    e sebbene nulla ci appartenga
    il delirio di noi
    aspetta solo di essere libero
    libero di nutrirsi di se stesso

  2. Poesia sensuale, fortemente espressiva, di gran pregio, emoziona e turba profondamente. Calda nel tono, irruente, tradisce l’eccitazione dei sensi;
    forse rabbia per un rapporto amoroso deludente…?
    Bravissima, è un lavoro stupendo che si legge con vero gusto. Ciao.

  3. Ciao, non son d’accordo con il mio collega Ignazio. In primis “secernon” suona malissimo e vi sono tantissime altre parole da poter adottare;in secondis una vera mantide attira la sua vittima e non impartisce lezioni per fuggire via da lei. cordialità…

  4. In realtà quello che io vedo
    è la ricerca di emozioni di una donna
    che, probabilmente stanca di una vita monotona o, comunque, poco appagante, si lascia andare ad un emozione vecchia, ma allo stesso tempo nuova per lei. E nella paura di sbagliare o di ferire si nega il pieno godimento di queste emozioni flagellandosi con i sensi di colpa. Non è capace di rinnegare se stessa ed allora invoca l’intervento esterno. Si definisce una mantide, ma io la vedo più come una “farfalla” che ogni ogni giorno nasce ed ogni giorno muore, incapace di rendersi conto della propria bellezza ed impossibilitatà a capire la sua vera stessa natura. Io mi auguro che la chiarezza la raggiunga presto e che possa, trasformare i suoi dubbi in assolute certezze.

  5. Bellissima, non posso aggiunger altro. Di un’intesità assai rara da parte di una donna. Non m’importano le licenze letterarie, quello che hai saputo trasmettere è istinto puro. M’inchino…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *