Sensazioni di Maggio

C’è un giorno di novembre,

in cui fiorisce il prato,

il cielo assai risplende

e il mare è colorato.

E’ un giorno dove il gelo

giammai si fa sentire

non c’é nebbia né velo

che copra il mio dormire.

Chissà perché si sbaglia

questo giorno ormai invernale:

c’è un sole che ci abbaglia

e il vento non fa male.

Il giorno tutti sanno

ci scalda per destino

e cade in ogni anno

intorno a San Martino.

 

3 pensieri su “Sensazioni di Maggio”

  1. gli americani chiamano l’estate di san Martino “estate indiana”.
    evidentemente è un fenomeno che affascina gli uomini, strano e bellisimo.
    da bambina per me era un avvenimento particolare prima del vero freddo invernale e della neve, perchè allora la neve c’era… e un po’ mi manca.
    ciao

  2. molto bella e un po’ triste perchè mi fa ricordare il piacere breve ed intenso che si prova nell’attimo fuggente, piacere che spesso non sappiamo riconoscere prima che sia già passato, ho letto questa poesia provando le emozioni di una mia personale interpretazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *