È tardi devo andare

È tardi devo andare

Devo abbattere l’albero di spine

Devo dar voce ai silenzi

Devo poter sorridere a una poesia…

Dove il sole tramonta

c’è un angolo mio

asciutto e forgiato

sterile ai pianti

affollato di ire trascorse.

Devo andare…

verso i rivi gioiosi

che hanno il calco

di un passo deciso.

Alle spalle onde pesanti

che offendono il mare

Tu non sapevi che pure il mare si offende.

È proprio tardi…

devo andare.



2 Commenti per “È tardi devo andare

  1. Auguri per i “rivi gioiosi” che ti aspettano, pieni di speranze e futuro.
    Bella poesia che guarda oltre il passato, oltre il dolore!!!!!
    A rileggersi, saluti affettuosi
    EMA

  2. Bellissima! Un pensiero sussurrato con voce calma ma determinata. Veramente una bella poesia.
    Un caro saluto da Nicolas Antares.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *