Il giardino dei tuoi sogni

Amo ciò che immagini, che racconti ridendo

e raccogli di notte nel prato delle stelle

le primizie piantate che han’ già fatto radici

nutrite di gocce limpide e salate.

Una linea continua

che scorre e si accavalla

come la biro su un foglio

segue il filo ed annoda i ricordi.

Amo ciò che immagini

e come lo incarti di dolci parole

e lo colori di quella luce;

la tavolozza è la tua pelle.

Mi perdo in quei progetti

che fanno di un cuore maggese

il propulsore di nuove speranze.

Faresti spegnere il sole

e non te ne preoccuperesti,

t’immagini a guardare le ombre

che la luna saprebbe donare.

E tu vedi nuove catene che legano gli uomini.

Né pane, né amore

né fede ed abbracci.

Tu immagini la nebbia d’aprile

circondare ogni singolo uomo;

un esercito d’api fra milioni di fiori.

Tu immagini un sospiro

messaggero di grazie e passioni

e ogni atomo d’aria tutt’attorno

è compagno di un’inesistente solitudine.

Tu immagini fra spigoli di mondo

un’essenza che s’abbini al tuo vestire,

quel bastone che t’aiuta al tuo salire

o che scuota gli alti frutti e le comete.

Ed io son perso nel giardino del tuo cielo,

e m’appisolo su prati cotonati.

Conto assieme a te le mille luci

tu le metti tutte nel tuo sacco

ed io garzone che riordina gli attrezzi.

Io lo amo il tuo cielo ed i tuoi sogni,

m’appassiona inseguire i tuoi discorsi

sul tuo mondo che comprende quasi tutto

e dimentica di sfamare il suo guardiano.



6 Commenti per “Il giardino dei tuoi sogni

  1. Caro Raf, alzatomi in piedi batto le mani per 10 minuti!
    Hai scritto questa poesia con il cuore ed il risultato è, secondo me, eccezionale.
    Bellissima! Un caro saluto da QS-TANZ.

  2. Dolcissima poesia d’amore.
    Il poeta ama e sa dirlo con parole alate, come deve essere.
    Le mie 5 stelle!
    anna

  3. Straordinaria poesia frutto di devozione e amore,
    espressa a cuore aperto, BRAVISSIMO !!!!!!!
    Un saluto a 5 stelle
    EMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *