Giuggiola

Di questo dolore

non si può parlare

che dire è un animale!

Ma quanta tristezza

l’averti perso.

 

Non vedere il tuo musetto

che mi osservava,

cercava le mie mani,

il mio affetto

e mi dava tanto amore

e chiedeva tanto poco.

 

Ti chiamai Giuggiola

in ricordo di un amore,

e tale sei stata

nei colori, nei modi

per diciotto anni insieme.

 

Ricordo il tuo corpicino

caldo, che scaldava

il mio con le fusa,

sapore di casa mi davi

di dolce intimità

in un mondo

che era tutto nostro.



11 Commenti per “Giuggiola

  1. Molto tenera, cara Ema. Diciotto anni sono un periodo di tempo abbastanza lungo per una bestiola. E quello che, purtroppo, dobbiamo accettare, è quel breve tratto di strada che facciamo insieme. Dobbiamo ricordarne la qualità e l’amore che ha attraversato la nostra strada insieme, dopo…, quel posto sicuro nel nostro cuore, ci riscalderà anche se, con rimpianto e malinconia, l’anima.
    Un abbraccio.
    Sandra

  2. Cara Ema, ancora una volta una tua poesia mi fa rivivere emozioni condivise, anche il mio Chicco per 18 anni è stato un amico discreto e affettuoso, il suo modo dolcissimo di dormirmi addosso è indimenticabile… e ora c’è Pilar, una nuvola di pelo nero che mi ha conquistata a prima vista, se hai un gatto non ti senti mai solo, un abbraccio Nella

  3. Una lirica dolce come è stata l’amicizia che la tua Giuggiola ti ha dato.
    Dopo un lungo cammino insieme ora non è più al tuo fianco, ma io credo, come S. Francesco, che gli animali abbiano un’anima e che ci aspettano alla fine della nostra vita.
    Un abbraccio.
    anna

  4. Cara Ema, anche io amo gli animali specialmente i gatti, infatti ne ho attualmente uno, ed il pensiero di perderlo mi rende molto triste ed addolorata, quando lo ho vicino provo esattamente quello che descrivi nella tua poesia; sai cogliere sempre le emozioni vere e sentite della mia anima.
    Grazie, per quello che mi dai.
    Marta

  5. Cara signora, anch’io ho una gatta, si chiama Minù è un po’ matta e poco affettuosa, però pazienza ce la teniamo così com’è.
    Vive libera gira nei prati e nei boschi come vuole, questa libertà che secondo me è indispensabile per ogni essere vivente, mi è costata una precedente gatta, la Stellina, bella zebrata affascinante e affettuosa.
    Sparita chissà dove e come, forse in qualche trappola di bracconieri, oppure avvelenata dai bocconi per le volpi, oppure spero io, salita in macchina con qualcuno visto che me l’avevano portata proprio perchè gli era salita in macchina e non sapevano più cosa farne.
    Chissà, adesso Stellina e Giuggiola corrono felici in posti infiniti dove tutto è luce, chissà che un giorno le incontriamo….
    Buon viaggio Giuggiola, pensa che alla mia Stellina io ho scritto anche una lettera.
    Dai adottane subito un’altra, il tempo farà il resto vedrai.

  6. Mi tocca molto, cara Ema, perché so quanto dolore e solitudine lasci la perdita di un amico peloso.
    Grazie per questa poesia!

  7. X SANDRA, NELLA, ANNA, MARTA, FOLLETTO
    GRAZIE!!!! Cari amici lettori, di aver espresso il vostro amore per gli animali, compagni preziosi
    nel nostro cammino in questa vita.
    Vi abbraccio con affetto sincero, a risentirci
    EMA

  8. Ho letto con piacere questa poesia, capisco che 18 anni insieme a questa bestiola ti abbiano lasciato tanta tristezza, ma spero tu possa adottarne un’altra che ti dia pari affetto… come sempre la poesia è molto carina… salutissimi… Carlo

  9. Cara Ema, conosco bene il dolore che si prova quando un amico animale ci lascia, la tua bella e dolce poesia descrive bene i sentimenti e il senso di vuoto che si prova, la mia gattina si chiamava Gizzi ed era cresciuta insieme ai miei figli giocherellona e coccolona mancò molto a tutti. Adesso che sono sola c’è Valeria la gattina grigia che anche tu conosci ha già oltrepassato i 15 anni e mi auguro mi faccia compagnia ancora per molti anni.
    Grazie x le tue poesie

  10. GRAZIE!!!! Ancora a ELISA, a CARLO, a MARIELLA
    E mi unisco al vostro sentimento espresso: di amare gli animali, che spero in un’altra vita di rincontrare in una dimensione “dove tutto è luce”
    (espressione rubata al vostri scritti)
    A risentirci con affetto
    EMA

  11. Ciao Ema, quando ci siamo conosciute avevo da poco perso Bia la mia amata gattina che è stata con noi per 17 anni, solo chi ha provato l’amore di un amico a quattro zampe può capire la perdita di tale presenza, per molto tempo ho pensato che ci fosse sempre in casa ma si fosse nascosta, mi pareva anche di vederla passare ogni tanto. Forse è vero tutto si trasforma nulla si perde Bia è in casa in altre dimensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *