Parole nel vento

Queste mie parole sono figli colpiti dal vento.

Amo, ti amo afferrandoti fra venti e tempeste, e t’amo.

Partorisco parole d’amore e me le portano via, e via.

Non una parola sfiorerà i tuoi capelli,

non un rigo salirà livido alla tua pelle.

So che non sei l’uomo della vita mia

ma quanto ti amo? ti amo, e ti amo.

È un amore che fa male, e male

in questo ventre straziato da parti su parti

di parole che mangio per vivere ancora, e ancora.

Devo perderti, e perderti.

E perderti per cercarti, per cercare.

Cosa mi costa vivere per avere la mia bocca piena,

di parole.

Le mie mani vogliono vivere, solo vivere, e vivere

e affondare nel fango della ragione per ripescare un poco di follia.

Amo per vivere

e vivo per avere sulla pelle ancora questi lividi

di versi buttati in carta straccia come l’amore della vita mia.

Affacciata alla finestra del tempo,

infangata e stracciata vivo ancora.

Aspetto ancora parole d’amore

a polsi stretti in questo niente

che a tutti i costi voglio chiamare amore.



3 Commenti per “Parole nel vento

  1. MERAVIGLIOSO “questo niente che voglio chiamare amore” Amore che ti logora come malattia, come dannazione dell’anima, ma pur sempre amore!!!!!
    EMA

  2. Bellissima! Mi hai fatto venire i brividi, poche poesie mi hanno emozionata tanto, Ang

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *