Figlia del Mare

Sono stata e son tua figlia

inquieta potente distesa

d’azzurra acqua.

Ti ho amato nelle onde

sempre mi sono lasciata cullare.

Non stanotte mio Mare

sei duro violento

troppo sicuro di te

per questa fragile notte per me.

Lo spirito

sopraffatto dal tuo fragore

invoca sai tu chi

per calmarti e lasciare

che le ossa stanche

tra le tue ormai rilassate braccia

s’assopiscano finalmente.



7 Commenti per “Figlia del Mare

  1. Per me il mare ha un “fascino” particolare, quella distesa d’acqua verde-blu sembra in un certo qual modo assomigliare al cielo… Complimenti.

  2. Anch’io mi ritengo “figlia del mare”, anche se non ho mai vissuto in una città di mare, anzi la mia vita si è svolta sempre lontanissima. Ma del mare, soprattutto d’inverno, amo la scontrosità impetuosa che esprime la Natura indomabile.
    Un immaginario indefinibile il mio, che fa parte di me, un luogo d’elezione della mia anima che ritengo origine di tutto e che senza saper spiegare costituisce una sorta di imprinting che mi rende quella che sono.
    Trovo che questa lirica dedicata al mare sia in forma chiara che traslata sia ricca di sfumature e significati e mi piace.
    Ciao!
    a.

  3. Tanti complimenti in compagnia di 5 stelle, per questa bella poesia e benvenuta anche da parte mia.
    Un saluto, Lucia.

  4. Non merito tanto, grazie a voi tutti, dal profondo del cuore!
    Maria Rosa

  5. L’ho sentita come una storia d’amore.
    Dove questo rispetto profondo per il mare e la passione regnano.
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *