I guerrieri della notte

Sussulti mi destano nella notte
il cuore imperterrito batte,
ombre indefinite vagano inquietanti
gli spettri del passato son talmente tanti,
farfalle nere volan senza meta
il rasentar loro è tal quale la seta,
accessi d’ansia e disperazione
senti sul petto la forza di un leone,
desisti e il tuo coraggio vien meno
senti sotto i piedi un fragile terreno,
tenti di reagire e guardare avanti
dinanzi ti si parano ostacoli giganti,
occhi beffardi in materiale visione
tentano d’indulgerti alla totale dannazione;
scavo nei recessi e nei meandri
immagino un giardino d’oleandri,
fitto, immenso e rilassante
per placare la mia anima vagante,
in un baleno tutto si oscura
dominante si riaffaccia la paura,
cieli in fiamme e vulcani in eruzione
tristemente mi riportano all’umana condizione,
di un essere in costante repulsione
di trovarsi sul ciglio di un burrone,
fuggi dai cupi sogni e dai timori
e dal baratro vedrai che verrai fuori,
resta come un topo in una botte
e lotterai sempre coi guerrieri della notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *