Hic manebimus optime

Una perfetta solitudine

mi avvolge l’anima

con un abbraccio silenzioso.

Sto bene con me stessa

lontana da frastuoni e prepotenze.

Semplicemente sola

galleggio tra flutti

di pensieri e sensazioni

persa nell’eco

di vite ormai lontane.

Semplicemente sono

in questi attimi liberi

che sanno d’infinito.



8 Commenti per “Hic manebimus optime

  1. Qualcuno ha detto: – per stare bene con gli altri, prima, dobbiamo stare bene con noi stessi –
    Sai, carissima, che condivido in pieno queste sensazioni. Conoscere bene se stessi e fare dei nostri “io” il primo alleato, è una ricerca interna faticosa ma, alla fine, paga alla grande.
    Bellissima.
    Sandra

  2. Questa è la vera serenità!
    Quella di cui anch’io ho scritto alcune volte ma con risultati lirici sicuramente più poveri.
    E’ bella questa poesia, sa di fresco, di eqilibrio e di attimi preziosi vissuti pienamente.
    Bravissima Anna, ormai ne ho la certezza: la tua penna è magica!!!
    Un abbraccio da Nicolas Antares.

  3. La pace e l’armonia del nostro animo, ci dà la ricchezza di sentirsi appartenenti all’infinto, una sensazione di piena libertà, condivido questa meraviglia di pensieri e di POESIA!!!
    Un abbraccio a risentirci
    EMA

  4. Forse la felicità assoluta non esiste, ma la serenità sì. E secondo me la prima regola per essere sereni è stare bene con gli altri, ma soprattutto con se stessi.
    Complimenti per questa bella poesia e naturalmente 5 stelle.

  5. Sì, concordo con il commento di sandra… star bene con se stessi è la base di un buon vivere, in solitudine o anche in società… ben espresso il tuo stato d’animo, oserei dire la tua Weltanschauung… bravissima… ciaociao
    P.S. rientro oggi da una lunga assenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *