Radici

Fui un albero

curioso e temerario.

Volli inviare rami

ad esplorare il cielo.

Portai a danzare foglie

sopra tappeti di nuvole.

Ubriacai

ogni mia nuova gemma

con fontane di pioggia.

Offrii al marchio del sole

una miriade

di pensieri audaci.

.

Ricamai

il mio tronco scuro

con la luce

dorata della luna

Ma i capricci del vento

tagliarono la strada

al sogno di grandezza

che si pavoneggiava

tra le mie fronde ingenue

mentre esse ancora

inseguivano la scia

di sconfinate ambizioni.

.

Velleità

senza futuro crollarono

sconfitte intorno a me

soffocando nel terreno.

Rinsavii dai miei eccessi

e finalmente riuscii

a rinunciare al canto

di spettacolari stelle

per ascoltare la linfa

del silenzioso amore

che si sprigionava

dalle mie radici.



2 Commenti per “Radici

  1. Non è fuori di noi la soluzione dei nostri prolemi, ma al nostro interno.
    “Conosci te stesso”, c’era scritto sul frontone del Tempio di Apollo a Delfi.
    Conosci te stesso, una grande verità. Se non ritroviamo le nostre radici, non avrà mai senso tutta la nostra vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *