Pareti

Pareti, senza quadri, che respirano di te.

Anche la neve fuori, profuma di te.

Veleno è questo tempo d’attesa.

Verità d’amore e di passione.

 

Rapaci volteggiano nel cielo bianco.

Veloce corre il ricordo di te.

Parole dette e mai pensate.

Dolore pungente come lama nella pelle.

 

Libero poi me stesso nell’Immenso, con il vento,

vivere la vita qui, respirando te.

Calore adesso dal camino,

sereno riposo immaginando un ritorno vicino.



10 Commenti per “Pareti

  1. Ciò che ci divide dall’amato è tormento, e gioia al pensiero del suo ritorno.
    BELLISSIMA poesia piena di attesa per la felicità del ritrovarsi.
    Sempre BRAVISSIMA, ti saluto con affetto
    EMA

  2. Bellissimi versi per raccontare la dolce storia di un grande amore perduto che riesce ancora a vivere nell’attesa di un ricongiungimento

  3. Molto bella anche se difficile, mi piacerebbe tu la spiegassi un po’.
    Grazie

  4. Noi siamo i nostri ricordi che ci rendono quelli che siamo e i luoghi hanno memoria di ciò che è stato.
    Grazie!
    a.

  5. X Ema, Angela, Anna

    Grazie! Del passaggio di lettura e per i vostri commenti.
    Sandra

    X Folletto

    Carissimo, è stata scritta per la musica di Nico Cali, un giovane musicista pugliese. E’ una canzone.
    E’ la storia di un uomo che torna nella sua casa di montagna e cerca di riassaporare il vissuto con la donna che ha amato e che al momento non è più con lui. Lì, tutto parla di Lei e le fiamme di quel camino comunicano speranze per un possibile ritorno.
    Grazie.
    Un saluto.
    Sandra

  6. Bellissima! Aperta a diverse chiavi di lettura mantiene una forza di fondo impressionante. Come é triste ricordare chi non c’è. Complimenti Poetessa. Un caro saluto da Nicolas Antares.

  7. Il ritorno di una donna che ha deciso penso sia semplice utopia…
    Non pensi?

  8. Nicolas Antares
    Grazie, Nicolas. Un caro saluto.
    Sandra

    x folletto

    No, non credo. Se non avessimo la speranza, dovremmo ammazzare i ricordi per non soffrire.
    Tutto può succedere, siamo tutti sotto lo stesso cielo.
    Un caro saluto.
    Sandra

  9. Cara sandra mi complimento con te per questa tua lirica che tocca corde a me molto sensibili… L’assenza dell’amato, la sua presenza immensa nel silenzio di una stanza e l’attesa infinita, una speranza che non muore. Come l’amore.
    Bellissima!
    Un abbraccio
    Rosatea

  10. X Rosatea

    Infatti, carissima, la speranza è un faro che ci guida e mantiene l’essenza; tutto questo ossigeno si trova dentro di noi e nelle cose che hanno visto due anime insieme, fossero anche delle semplici pareti…
    Grazie.
    Sandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *