Silenzio

Ecco, anche quando l’ultima televisione,

al di là del muro, del soffitto,

si spegne,

silenzio.

 

Quando anche l’ultimo

abbaiare dei cani nel vicinato,

tace,

silenzio.

 

Ed è da lì che iniziano i disegni

del dopo,

la raccolta del giorno,

del quando e dei perché.

 

Nudità imperfette,

ma nel buio,

solo richiamo

di luce e sogni.

 

Tregua lenta e forse breve

dove l’aurora porta realtà

ma, pur sempre vita

a quella irrinunciabile salita.



10 Commenti per “Silenzio

  1. Raccogliere le idee, ripensare a ciò che è stato, cercare spiegazioni e trovare soluzioni.
    Il silenzio è il vestito perfetto per riconoscere se stessi.

  2. x anna
    Il silenzio è creativo, certe volte mette ordine nella confusione, altre volte è un’opportunità per rimanere con noi stesse e fare terapia.
    Sì, direi che è un gran bel vestito, ma, come tutti i vestiti, va cambiato spesso.
    Grazie, cara Anna, della tua sempre presenza.
    Sandra

  3. Spesso il silenzio ci aiuta a riconoscerci, a riflettere sulla nostra esistenza e come tu dici Sandra… è un vestito che va cambiato spesso altrimenti diventa solitudine.
    Bella lirica e complimenti a 5 stelle
    Angela

  4. X Angela

    Raccolgo onorata il tuo commento e ti ringrazio.
    Sì, va cambiato, per evitare le sembianze della solitudine.
    Un caro saluto.
    Sandra

  5. Il silenzio come dialogo interiore, come ambiente protetto per l’animo assetato di quiete, come luogo privilegiato dove rifugiarsi lontano dal frastuono del mondo. Peró bisogna sempre tenere presente la condivisione e la moltitudine onde evitare che prenda le sembianze della solitudine e dello straniamento.
    Come sempre una lirica intensa e di piacevole lettura.
    É il momento giusto del silenzio! Quindi serena notte.
    Lucia
    Anch’io ho inviato una poesia sul silenzio. A presto.

  6. Silenzio, quanto rumore c’è talvolta nel silenzio, paure, speranze, ma io spesso lo trovo rigeneratore, molto intimo e riflessivo, ognuno ha il suo modo per viverlo.
    Il tuo carissima è bellissimo come la tua poesia sempre piena di gentile ed emozionante realtà.
    GRAZIE!!! Ancora, un abbraccio affettuoso a risentirci
    EMA

  7. Bellissima!!!! Un viaggio introspettivo che traccia il bilancio della giornata quando si è soli con se stessi, fattibile però, solo nel silenzio più totale.
    Ho sempre avuto una certa difficoltà e ritrosia, sicuramente dovute ad una tara della mia fantasia, nell’utilizzo di vocaboli “moderni” come la parola televisione: bene in questa sede, e ti ringrazio infinitamente Sandra, ho imparato ad allargare il mio orizzonte.
    Infatti se all’inzio non si fosse usato questo vocabolo il senso della poesia non sarebbe stato reso con tanta efficacia.
    A questo punto proverò anch’io ad accostarmi all’inserimento di termini più attuali.
    Brava Poetessa! Un caro saluto da Nicolas Antares.

  8. X Lucia Bonanni
    Grazie, cara Lucia per il commento e l’apprezzamento, a leggerci!
    Sandra

    X Ema
    Carissima, grazie per la tua presenza e per il tuo passaggio di lettura e apprezzamento. A presto!
    Sandra

    X
    Nicolas
    Caro Poeta, grazie! Aggiungo che bisognerebbe forse non “bere” tanta televisione, ogni giorno apprendiamo le nefandezze del mondo e del nostro periodo storico, tuttavia, proprio da questa fonte, a volte, sorge spontanea una poesia, proprio come terapia. Ti abbraccio. Sandra

  9. Le brutture della vita quotidiana hanno questo potere di creare un antidoto esistenziale… ed è questo silenzio notturno che permette ad ognuno di noi di ritrovare un bandolo… così è la vita, e i tuoi versi ben l’hanno detto. Brava… e Buon Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *