A mio padre

In queste giornate di pioggia

mi piace pensare a Te

come un ricordo vicino.

Rammento le nostre

domeniche al Piazzale,

Tu preso nella lettura del giornale

e noi, a improvvisare

in fortini creati dai folti verdi cespugli

principesse rapite da draghi inferociti

e da spade lontane salvati.

Triste poi, la maternità

vissuta senza Te,

malinconica la fotografia

sul tavolo di casa mia.

Tanta vita trascorsa ormai

con Te a un passo dietro di me.



9 Commenti per “A mio padre

  1. Quanta delicatezza in questi versi! E quanto amore vi traspare! Ricordi impressi a fuoco nella mente che donano al cuore battiti d’ali per andare oltre il visibile e il tempo nel suo fluire.

    Grazie, Sandra, un abbraccio

  2. Bellissima, lo ricordi come fosse stamattina il tuo papà. Anche il mio ha lasciato dietro di se un vuoto incredibile. Un abbraccio da Nicolas Antares.

  3. X Lucia Bonanni, Anna, Nicolas Antares

    Grazie per la lettura e l’apprezzamento di questa mia poesia. Sono trascorsi 35 anni, ma, purtroppo, ancora non mi sono rassegnata. La poesia, come sempre dico, è una forte terapia per gli strappi dolorosi che ci accompagnano nel tempo.
    Sandra

  4. I nostri cari genitori sono il nostro pilastro, e rimarranno per sempre nei nostri cuori, anche quando la vita ce li ha portati via (sempre presto purtroppo).
    Bella poesia come nel tuo stile carissima Sandra.
    Ti saluto con affetto a risentirci presto
    EMA

  5. Versi delicati, ma soprattutto ricchi d’amore.
    I ricordi di chi amiamo rimangono incisi nell’anima con l’inchiostro indelebile dell’eternità.
    Complimenti e 5 stelle.

  6. x Lucia Manna

    Non mi sono ancora rassegnata, anche perché sento sempre mio padre a un passo dietro di me.
    E’ così ormai da 35 anni.
    Grazie del calore.
    Sandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *