Il dolore degli altri

Occhi enfi traboccanti

rigurgitano ogni giorno

stille insanguinate

di un’umanità martoriata

 

Crude immagini di morte

sfoggiano il dolore degli altri

che scivola su ipocriti volti

dileguandosi nel nulla

 

Spettatori efferati cercano

per poi lasciar passare oltre

la sofferenza del prossimo

che li fà sentire vivi

 

L’infame artigliarsi della mente

alle vacue ragioni dell’uomo

eclissa il luminoso amore

che fiorisce al di là del male.

 

3 pensieri su “Il dolore degli altri”

  1. Ciao, un miscuglio di religiosità e sacrilegio. Non mi è piaciuta. Non si capisce bene. Io dico sempre che chi cerca di insegnare ad alri dovrebbe stare al di sopra di ogni cosa, la massima illuminazione, ma nella vita questo fenomeno è molto raro e bisognerebbe che tutti noi fossimo un pò più umili. Ciao… Non mi piacciono nenache gli scritti senza punteggiatura, ma questa è sola un’opinone; però è la mia!

  2. Mi è piaciuta molto… soprattutto dove dici “la sofferenza degli altri che li fa sentire vivi”… concordo. Credo che la morbosità che spinge a cercare immagini di dolore riferite agli altri (e ne siamo testimoni tutti, basta vedere quello che passa quotidianamente in tv ed ha alti indici di gradimento…) sia soltanto un modo per esorcizzare la nostra sofferenza e poter dire “è successo a qualcun altro”. E ciò è molto, molto triste… Grazie per la riflessione. Ciao!

  3. Mi è piaciuta la complessità di questa poesia, parole originali che la colorano di un senso diverso, belle anche le parole scelte, nuove e quasi prese dalla storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *