Roberta amor mio

Amore mosse il fattore di nostra semenza

fattici umani di simil essenza.

E così come quando il sole il punto più alto nel ciel raggiunge

e l’ombra più nera sulla terra giunge

E per lo stesso motivo per cui tanto più s’apprezza

quanto il contrario si disprezza,

sembrò aleatoria la precedente fattezza.

Vero si fu, ch’incontro non fu fatal

ma bisgona transumanare prima ancora

di poter percepire il sommo bene e il sommo mal.

E così come il lieve vento accresce il fuoco

allo stesso modo e non poco

il tempo accrebbe amore…

transumanandone color che n’erano detentore…

e il fatto fu pari al suo fattore

che ne divenne parimente amore

per poi diventare calore

tale da riscaldar il cuore di colui che ogni male vuole.

Il fattore guardò il proprio fatto e non ritrovò amore

ma agape, in cui s’era tratto…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *