Ritratto

Tele usate un po’ sbiadite che nessuno guarda più

Ma dal valore inestimabile perché l’artefice sei tu

Mostra con orgoglio opere d’arte per ingannar la solitudine

Ormai son troppe le bugie da non accorgertene più

Che non basta cambiar parole per cercare di non cadere

Come fece Dorian Gray alla mia immagine sarò fedele

Ritratto di tutto

Tutto ciò che ho detto, tutto ciò che ho fatto

Sciolgo il mio patto

Per far si che il tempo segni il viso con le rughe

E non serve osservare il mare, né aspettar altre mille lune

Ritratto il giorno in cui

Ho capito di non essere più lui

Mente la bella cornice che domani non vedrai più

Fa sembrare più piacevole il sorriso che doni tu

Per protegger la libertà vagabonda di un’inutile routine

Poiché la sindrome di Stendhal colpisce quando il cielo è blu

Ed è facile perdersi in colori che nascono dal petto

Illudono il vero facendolo sembrar perfetto



4 Commenti per “Ritratto

  1. Molto bella. I colori che nascono dal petto non li troviamo in nessuna tavolozza e dentro nessuna cornice, sono ciò che vogliamo pensare e non il reale.
    Sandra

  2. Mutamenti interiori ed esteriori non mutano l’anima che si arrende sempre alla grandezza e alla bellezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *