Il lento camminare

Il lento camminare stanco

nella selva umana sperduta,

vecchio non è parte di branco

osserva gioventù svampita.

Che pur avendo ali discrete

per librarsi nell’aria sul mondo,

e tante le cose non segrete,

cicale a fine estate morendo.

Profondo silenzio sperduto

e il canto soave di fronde.

Non afferra il semplice udito

l’occhio del vecchio risponde.

L’odore dei passi nei percorsi

sia in foreste o aridi deserti.

Gelido il freddo i suoi morsi

vite vissute sinfoniche concerti.

Spettacolo di mondo indecente

dileguarsi di tutti i suoi i sogni,

lo sparire in morte imminente

nell’accoglierlo il Dio si degni.

La vita tediosa, sempre uguale,

il martello nei pensieri inutili,

struggersi in un mondo sleale

fermare il treno su binari futili.

Un pensiero su “Il lento camminare”

  1. Forse poesia un po’ pessimista che attraversa periodo storico di distruzione e poco amore.
    Invito a banchettare la speranza, che facesse un giro di valzer e s’alzasse con ali di falco alta nel cielo senza ricadere mai infranta fra le rocce.
    Sandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *