Il viaggio della vita

Nicole era bellissima nel suo abito a tubino ed i tacchi alti.

Il nero era perfetto, metteva in risalto le sue morbide curve lasciando viva la fantasia ad un dècolletè invidiabile, sul quale non esisteva nessun gioiello, all’infuori delle sue “colline”.

I due meravigliosi smeraldi che le illuminavano il viso, avevano una luce diversa, quella dell’amore. Già, perché si può avere negli occhi il mare, gli smeraldi, o pezzi di carbone ardente, ma parte tutto da lì, dall’amore al quale si va incontro forse per la prima volta.

Anche nella maternità, la donna si veste di una bellezza speciale, ma é sempre la conseguenza di una di quelle serate in cui ti sei preparata, ti sei agitata, forse sei stata pure imbranata, ma ti sei innamorata. Non é detto che sia stata la prima volta, non é detto che sarà l’ultima, ma sicuramente ti sei emozionata, hai desiderato di piacere, di essere amata e soprattutto di chiudere la partita della vita, più tardi possibile, con quella persona.

Poi succede che il tubino non é più per te, e un po’ ti dispiace, i tacchi alti stancano e non ti fanno correre, devi usare “cose pratiche”, sei presa dal vortice di cento impegni, ma se ti guardi allo specchio bene, quella luce negli occhi la trovi ancora, é bella come i tuoi vent’anni, é solo maturata con te, a testimonianza di ciò che eri e quella che oggi sei; tu, con il tuo sorriso e quel movimento della mano nel mandare indietro i capelli, sempre la stessa, al di là del tempo. E’ solo un viaggio di andata, ed é la tua vita.

Buon viaggio anche a te, Nicole.

 

8 pensieri su “Il viaggio della vita”

  1. grazie, Sandra, per avermi restituito tutti i miei vent’anni, quelli che ho dentro…
    fuori ne ho solo qualcuno di più, ma gli occhi, quelli sì, sono sempre e per davvero verdi.

  2. Buon viaggio a tutte le straordinarie donne che hanno saputo essere se stesse, sempre e comunque. Ciao Sandra….

  3. Una riflessione delicata nelle immagini e nei toni. Molto bello e vero. Brava Sandra.

  4. Mi hai fatto pensare a mia zia, che io ho sempre visto bellissima , anche quando é in casa vestita distrattamente . Se devo pensare ad una donna, é a lei che penso ……e poi io le somiglio ( modesta) .Spero che qualcuno guardi al mio tempo che passa, e si sorprenda a vedermi ancora bella , di quella bellezza che non sfiorisce , perché la vede solo chi ti vuole bene . Guarda quanti pensieri hai provocato con il tuo racconto !

  5. Molto bello, è vero gli anni passano, ma la bellezza
    rimane sempre negli occhi di chi ti guarda con amore….
    Grazia

  6. Gli occhi non invecchiano, è vero, tutto il paesaggio intorno invece cambia, e lo vedi giorno dopo giorno, e ti può dare tranquillità, sicurezza. Gli occhi guardati in profondità possono anche turbare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *