Bioenergia

Vi è un Pianeta dove le persone possono conoscersi a fondo senza aver mai parlato tra loro, nè avuto a che fare. Si temono e si rispettano per uno strano alone energetico che circonda i loro corpi. Nelle strette di mano, poi, vengono scambiate tantissime informazioni e guardandosi negli occhi riescono a cogliere il dolore o la serenità interiore di chi gli sta di fronte.

In questo posto l’energia vitale primaria, quella contenuta in ogni singola cellula di ogni singolo individuo, aumenta o diminuisce, si restringe o si espande, a seconda che le persone, durante il percorso della loro vita, amano o odiano, fanno del bene o fanno del male. Anche l’invidia, l’arroganza e tutti gli abusi verso i propri simili contribuiscono allo sfiaccamento ed alla perdita della brillantezza e del vigore di quest’energia che, diventando scialba, non riesce più a difendere l’organismo dai molteplici attacchi esterni: virus, batteri ecc. In non rari di questi casi, la bioenergia, può tramutarsi in negativa, autodistruttiva, portare a terribili malattie ed anche alla morte. 

Sempre su questo Pianeta l’energia delle persone umili ed altruiste, quelle “positive” per intenderci, gli uomini di buona volontà, è talmente tanta, carica e luminosa che fuoriesce da tutti i pori della loro pelle e tutti la possono percepire. Un alone caldo, invisibile agli occhi ma non ai sensi, specie a quelli degli altri animali, che riescono a coglierla anche a parecchi metri di distanza. Loro, “i positivi”, possono trasmettere quest’energia ad un altro essere vivente tramite il semplice contatto delle mani ricaricando localmente quel corpo seppur momentaneamente. 

Quasi tutti hanno imparato che i neonati, i bimbi, i più piccini, sono colmi di quest’energia. Libera, pura, positiva e splendente, che fluisce nei loro corpi come un limpido fiume di luce. Gli adulti li accarezzano e li stringono a loro continuamente cosa che consente di stimolare e di arricchire la forza di ognuno. 

Tanti hanno poi imparato a mettere i propri piccoli a dormire tra loro nel lettone matrimoniale per assicurarsi questi vantaggi per tutta la durata della notte.

Di mattina, questi, si notano e si riconoscono facilmente: sono i più felici di tutti.

Benvenuti sulla Terra! 

 

3 pensieri su “Bioenergia”

  1. Non devo far leggere quello che hai scritto a mio marito, litighiamo spesso perché non lascio dormire i miei bambini nel lettone, se non in casi eccezionali, mi nego quella felicitá del mattino dopo? Forse si. Sarebbe bello riconoscere le persone “cattive” da una stretta di mano, sarebbe bello che le nefandezze si trasformassero in malattie, ma resteremmo senza classe politica temo, per non parlare del fatto che solo “i migliori se ne vanno” come si dice spesso. Ho trovato bellissima la tua teoria. Bravo! Tilly

  2. Bello per il suo contenuto e per quello che hai voluto trasmettere.
    Non dimenticare la pazienza, che é una qualità essenziale nella vita.
    Ciao.
    Sandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *