Tabbarr (dedicata a Guerino D’Emidio da Montepagano)

Com’era bello il tuo paese abbarbicato alla collina,

lì, di fronte al mare.

E poi un giorno partisti in fretta a far la guerra.

Il ritorno avvenne in primavera

trovando il tuo paese così strano

e la gente un po’ diversa.

Ti eri accorto

che la tua mente conservava salde,

immagini terribili di morte e di esplosioni,

di sangue, bombe e fame.

Dentro la memoria, un’enorme tela bianca,

dolorante e logorata da trincee e fil spinato.

Forse per un attimo te ne rendesti conto

che stavi scivolando nel burrone dell’oblio.

Qualcuno se ne accorse e,

scaltro e senza un Dio,

cominciò a tirarti scemo.

Su e giù nel freddo inverno

a prender secchi d’acqua

alla gelida fontana.

A spingere carriole di mattoni

o a spostare sacchi di patate

e perché no, a far la legna.

Ma tu non ti negavi mai

anche solo per un piatto di minestra.

Mi commuovo amico mio perché non sarai mai Santo

e la neve che ti ha fatto da coperta nel tuo ultimo giaciglio

non si è sciolta mai del tutto.

Vorrei portarti un fiore, ma anche nel riposo eterno

hai dovuto accontentarti di una fossa insieme ad altri.



3 Commenti per “Tabbarr (dedicata a Guerino D’Emidio da Montepagano)

  1. Bellissima, vera e triste.
    Certi – danni – sono enormi e portati alla luce da chi ripudia la guerra sempre, con i suoi morti, le sue esplosioni, senza nessuna osservazione a ciò che è stato nel passato, continuando a credere che ciò possa essere l’unica soluzione.
    Grazie, Poeta, ricordare non è mai abbastanza.
    Ben tornato.
    Sandra

  2. Ho letto con grande commozione questa bella ballata in onore di uno di quegli spiriti coraggiosi e generosi che sono stati reduci da una guerra sanguinosa.
    Chi va in guerra riporta, infatti, gravi devastazioni morali e affettive, se non fisiche, e al suo ritorno non sempre riesce a inserirsi nuovamente nella quotidianità e nella normale vita del tempo di pace.
    La letteratura è piena di questi esempi.
    Detesto la guerra non solo per i lutti e per i suoi danni, ma anche per il fatto che in essa muoiono i coraggiosi, gli uomini migliori che si sacrificano per tutti quegli altri che restano a casa.
    Grazie, Poeta!
    anna

  3. Per Sandra e Anna: grazie carissime!!! La storia di Tabbarr la conobbi qualche anno fa durante una visita a Montepagano in Abruzzo.
    Mi colpì forte, veramente forte: così ho avvertito la necessità di tributargli un ricordo mio. Sono davvero felice che vi sia piaciuta. Vi abbraccio Poetesse.
    Nicolas Antares.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *