Felicità…

Corri lontato da me, inafferrabile.

Allungo le mie mani, cerco di prenderti,

ma sei evanescente, qualcosa di etereo;

e con quali enfasi ti invoco;

e con quali enfasi ti chiedo;

vorrei che tu fossi qui,

fossi qui per sempre;

come vento che spazza via le nubi,

come sciroppo che calma la tosse.

La mia luce è oscurata da un eclisse perpetua,

non sfuggirmi continuamente,

lasciati afferrare; lasciati abbracciare.

Rinfrescami, come un soffio di aria gelida

che risvegli i miei sensi.

Portami, su nubi tappeti, a mirare verdi colline

e arancio tramonti.

Almeno avvolgimi, per qualche istante,

per qualche attimo, e poi se vuoi,

ricomincia a correre, aspetterò che tu parta,

e inseguirò la tua fragranza, di nuovo.

 

3 pensieri su “Felicità…”

  1. Molto bella! La felicitá non va invocata ……a lei piace fare le improvvisate. Dobbiamo solo farci trovare pronti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *