La luce rosa

Non era un Inverno

particolarmente freddo

né piovoso,

era Dicembre

e tutto sembrava d’argento.

Brillava la corteccia bianca

dell’ormai scheletrito

boschetto di betulle,

la loro vita era in altra stagione.

Eppure, quella mattina

dalla grande vetrata

la vidi:

la luce rosa porpora.

Fra tutto l’argento

sembrava sorridere,

fonte di energia

e di speranza.

Avrebbe potuto essere

aurora o tramonto

era comunque gioia

in quel Mondo che tutti

osserviamo dallo schermo di vetro

ma che non palpiamo

più dal vero.

Non restò a lungo,

solo un passaggio

come tutto il bello da sempre

ma, penetrabile dentro

e memoria di cuore.

2 pensieri su “La luce rosa”

  1. Che bella. Sembra di essere in una bolla da cui osservare l’inverno che incede lentamente. La primavera tornerà, e la luce rosa è passata per lasciare un saluto e un bigliettino: “tornerò. Prima di quanto immagini”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *