Conversazioni rubate

Coiffeur 

“Debora, tu che sai cucinà, damme n’cosijo. Ciò i suoceri a cena e vojo fà bella figura. E’ a prima vorta che vengono, capito!?”
“Tu che jè volevi fà?”
“Di primo pasta con zucchine e gamberetti, di secondo pollo arrosto con le patate”
“Fija mia di secondo fajè du pescetti! Metti du spigole al forno con olio, aglio, rosmarino, du pomodori, venti minuti e sò pronte”
“Nooo col pesce nun cìò confidenza, a casa mia nun lo facciamo mai!”
“Allora cambia er primo e faje na cosa de carne o de verdura”
“E il polpettone de tonno?”
“Scusa, mò sto polpettone da ‘ndò e scìto?”
“E’ che me viè proprio bono, volevo fà pure quello!”
“Ma sticazzi, allora togli er pollo!”
“E patate e faccio però! Posso fà du gamberoni, ce sò quelli surgelati già puliti senza buccia, li metto in padella, eh?
“Boni! Pure lì ce poi mette ‘n pò de pomodoro…”
“E d’antipasto allora prosciutto e mozzarelline?”
“Marika, ma famme capì, ma quanna roba devi cucinà? In quanti siete?”
“Semo sei o sette ma io quanno che invito gente a cena vojo fà bella figura. Più roba c’è e mejo è no? Come minimo antipasto, primo, du secondi, du contorni e er dolce! Come se usa nell’alt sosàiti…
“Allora de primo faje le pennette cor salmone e d’antipasto piji l’insalata de mare bella pronta al supermercato che è na favola. Proprio bona t’ò dico io!”
“E come se fanno e pennette ar salmone?”
“Compri a panna al salmone a metti in padella e ce scoli dentro a pasta. Fatto.”
“Si, allora faccio questa che è veloce. Però faccio pure dù tartine, con i crèckers e il salmone”
“E il dolce?”
“Quello o’compro fatto. Poi figurati se i suoceri se presentano senza pastarelle”
“Poi famme sapè com’è andata. Ma a me quanno me ‘nviti a cena?”

“Marikaaa, Deboraaa, la signora deve fà lo sciampo, chi viène?”

 

Rispondenze

“Ma il fatto grave è che troviamo sempre occupato o non risponde nessuno!”
“Questo è un problema che ci avete già osservato e stiamo prendendo provvedimenti. Avremo presto un numero dedicato ed una risorsa in più, quindi miglioreremo nettamente la nostra rispondenza telefonica”

 

Ad orso nudo

Località balneare vicino Roma. Tavolini esterni di un bar.
“Anvedi st’ignoranti, hanno scritto – è vietato entrare a Torso nudo – !!! … Ma nun se dice a Dorso nudo?”
“E certo! Mò che è sto Torso cò la T… Se sò sbajàti, vedrai saranno stranieri!”
“Anfatti se dice pure il nuoto a Dorso… sò proprio ignoranti, mò m’arzo e jè lo vado a dì…”

 

6 pensieri su “Conversazioni rubate”

  1. Jelo sei annato a di? Io adoro i dialetti. Avevo un amico di Roma quando andavo a scuola, era stupendo, mi faceva morire dalle risate; ho avuto anche la fortuna di avere dei parenti napoletani, e non ti dico, quando venivano a trovarci che dialoghi! Altro dialetto che adoro é il siciliano, mio marito ha due amici che gli insegnano dei modi di dire….. fantastici! Mia mamma é originaria di Foggia, mio papá di un paese tra Napoli e Salerno, non ti dico il dialetto che si parla a casa!
    Sempre molto bravo.
    Tilly

  2. Ha ha ha ha!!! Troppo divertente a dorso nudo hahaha non ce la faccio più a ridere ha ha ha!

  3. Io sono argentino nepote di marchigiani, conosco pochi dialetti ma me diverto veramente con tutti.
    Questi racconti che me transportano un poco in questa Italia diversa, amata da me e dai miei nonni.
    Tulio PESALACCIA

  4. Mi fa un ridere! Poi io sono di Napoli e so leggere molto bene! Sto quasi scoppiando dal gran ridere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *