La parola amore

La parola amore

è come un brillante

dalle mille sfaccettature,

con la parola amore tu puoi…

tu puoi amare i figli,

la famiglia, i genitori,

tu puoi amare amici, persone,

la natura e tutto quel che ci offre,

gli animali.

Tu puoi amare anche le cose

quali ricordi cari,

tu puoi amare

pur soffrendo ma hai amato!

Nel suo misterioso disegno

Dio ci ha svelato il vero senso della vita

con una parola di cinque lettere

che in sé racchiudono tutto,

quella parola è amore!

(se nel mondo ci fosse amore non ci sarebbero guerre, fame, dolore
la terra sarebbe un giardino)

4 pensieri su “La parola amore”

  1. Ora quel giardino è diventato un deserto arido. E speriamo che l’egoismo che sta imperando non distrugga questo Mondo complicato.
    La parola Amore andrebbe insegnata nuovamente fin dall’asilo.
    Buona giornata.
    Sandra

  2. Se ti concepisci rispetto alla donna come la metà di qualcosa nel tuo intimo e poi anche nell’intimità sperimenterai quell’unione di anima, corpo e amore che ti farà sentire completo. Questa è la storia della mezza mela e di miti dell’infanzia e dell’adolescenza come il principe azzurro e l’uomo dei sogni. Questi miti riguardano la donna. L’uomo, che ha una spiritualità diversa, non è portato a ricercare l’unità fino a quando non si accorge di essere incompleto accanto ad una donna, perché non ha ricevuto un’educazione religiosa in grado di fargli sostenere scelte “straordinarie”, o di aver trovato la donna che lo fa sentire completo. Non dipende dall’incontro. La donna è più consapevole. Nelle scelte “straordinarie” metto le storie d’amore in cui è evidente che uno dei due passa dall’apparire un “santo” all’apparire un “diavolo” nell’arco di una giornata. In quel caso è chiaro ed evidente che la persona ha fatto un percorso di fede che lo ha sollevato dal bisogno ancestrale di sentire amore: un bisogno che non può essere appagato dalla sensualità o dal vizio perché viene sublimato dal corpo stesso e richiede un certo ordine dal momento che lo scandalo non viene eluso.

  3. Cara Chiara, “a modo tuo” e il tuo benessere non è in discussione sono stati i miei Click in questo percorso insieme, senza dimenticare l’elefante rosa ancora appiccicato sul mio computer! Impegnativo vivere “a modo mio” ma sorprendentemente meraviglioso, ogni volta che attraverso quello spazio, dove il flusso della vita ti culla è qualcosa di unico indescrivibile con le parole. La mia sensazione leggendoti è che fin da piccina ho sempre sentito come un valore aggiunto “essere me”, mi sono persa di vista molte moltissime volte ma quella sensazione innata del “vai bene così” c’è sempre stata, solo non sempre ho avuto la forza di seguirla o di vederla. L’unica sensazione che non mi ha mai abbandonata è l’Amore che sento per le persone che stimo e amo, quando scrivi “ti voglio bene” è riduttivo, lo è davvero, è Amore Puro!

  4. La poesia è molto bella, ma io penso che la parola “amore” se viene usata in troppe occasioni rischia di svilirsi.
    La parola “amore” si dovrebbe, secondo me, “usare” per tre ambiti di relazioni: tra un uomo e una donna, tra genitori e figli e, per chi crede, tra il Creatore e le sue creature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *