Non vuoi più esserci…

Non vuoi più esserci, nella mia vita.
Non mi vuoi più nella tua.
E io ti ci tengo.
E io ci resto.

Ti ci tengo, nella mia vita, e continuo a parlarti
ogni mattina quando mi alzo e mi avvicino alla finestra
scosto la tenda e guardo il cielo
mio e tuo
E più l’alba è rossa, striata, meravigliosa
E più il mio pensiero vola via e ti raggiunge.
Ti ci tengo,
e continuerai ad essere mio
anche se non vuoi,
il mio ragazzo speciale che guarda le nuvole e il sole
che ama il vento e le montagne
che corre verso il tramonto arancione.
Ti tengo con me perchè anche se tu lo vuoi uccidere
questo sogno è troppo bello
anche solo da sognare, se non da vivere
E io posso chiudere gli occhi e vederti, sentirti respirare accanto a me
E immaginare altri, infiniti attimi magici di felicità
Così come avrebbero potuto essere,
Così come avevo capito che valesse la pena
Così come saranno ancora, almeno nel mio cuore
Nella mia mente.
Resto con te e sarò il tuo scoglio
la tua roccia, perchè no, il tuo alibi,
quando il vento della discussione ti investirà
come sai che farà ancora
e allungando la mano non troverai più vicino a te il tuo albero
contro cui fermarti
Ci resto, nella tua vita, e sarò lì accanto a te,
sarò il tuo porto
ogni volta che sarai deluso da chi ti è vicino
e ogni volta che crederai di aver deluso
di avere sbagliato,
e vorrai punirti, farti male
e invece potrai abbracciarmi e parlarmi
chiudere gli occhi e rivedere i miei occhi
che simili ai tuoi hanno dentro
lo stesso desiderio
Resto con te e sentirai la mia mano in una carezza leggera
sul tuo viso, sul tuo capo
Sentirai la mia passione, perchè non si può spegnere
Nè sarebbe giusto farlo
Sentirai il mio calore, il velluto della mia pelle
E avrai momenti per abbandonartici,
cancellando tutti i pensieri
Così come avrebbe potuto essere.

Saremo lontani, come vuoi tu
Ma io ti ci tengo, nella mia vita
E resto nella tua.
Così come avrebbe potuto,
come avrebbe dovuto
essere.

 

6 pensieri su “Non vuoi più esserci…”

  1. Bellissima, scritta da chi non si rassegna, giustamente e non. Personalmente penso che gli amori a senso unico o comunque terminati da una parte, danno solo straziante dolore al cuore, ma a volte, con la tenacia, se son rose fioriranno…
    Ciao.
    sandra

  2. E’ difficile rassegnarsi alla fine di un amore, c’è dolore, rabbia e il non voler rinunciare…. ma bisogna essere in due, per dare e ricevere, per vivere la realtà e una vita vera, per vivere un amore. Lascialo andare e mantieni i preziosi ricordi e la ricchezza che questo amore passato sicuramente ti ha lasciato. Troverai qualcuno a cui non dovrai imporre la tua presenza nella sua vita nè tu di forza proporti nella sua, qualcuno che desidererà vivere nella tua e tu nella sua.

  3. mi accodo a sandra ed Elisa nel dirti che hai scritto una bella pagina e, non sapendo altro di te che ciò che leggo nei tuoi scritti, condivido con loro l’elogio per il modo in cui scrivi su un amore finito.
    scusami se mi permetto però di ricordarti che ci si ama in due, altrimenti è prepotenza, violenza, imposizione.
    non credo, però, che il tuo animo bello confonda i piani del discorso.
    con affetto
    anna

  4. Ciao a tutte,
    e grazie per le belle parole. Voglio solo puntualizzare che non c’è violenza nè imposizione nelle mie parole, il restare di cui parlo è nel cuore, nei pensieri, nei ricordi. E’ incredibile come possa una persona restare nel cuore anche dopo che è andata via, anche quando è lontana. Un abbraccio a tutte, F.

  5. Lo so ..è così.. ci restano e non se ne vanno, anzi quando meno te lo aspetti, quando pensi di stare bene, quando dici “è tutto superato” c’è qulacosa che ti inizia a logorare dentro…
    Però è qui che devi fare vedere quello che vali, quello che sei… devi tirare fuori le palle, devi fare vedere che non ti butta giù più niente…
    E’ brutto… E’ brutto perchè la vita ti mette alla prova… però come dice qualcuno “la vita è una sfida: affrontala”…
    E’ brutto… anche perchè l’amore non lo controlli.
    E’ brutto… perchè pensi di avere amato invano…
    E’ brutto… ma bisogna reagire… daltronde: “quando la ferita brucia… la tua pelle si farà”..
    Ciao ciao e scusa per il tono piuttosto “alla rambo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *