Un sogno d’amore

Mi ricordo sai,
di quel bacio sui banchi di scuola
quando il solo vederti
mi faceva tremare.

 

E’ un ricordo lontano
che torna puntuale
vivido e forte
non so se fa …male.

 

Non ho una foto
in cui posso guardarti
ma anche tra mille
saprei indicarti.

 

Con i Jeans attillati
e i capelli fluenti
eri bellissima
eri un sogno d’amore.

 

Ritorno ad allora
baciasti la mia guancia
che brucia ancora oggi
al pensiero di te. 

 

Non so dove sei,
a chi stai dando i tuoi giorni
ma sappi comunque
che ti porto nel cuore. 

 

Un piccolo posto
che non si può cancellare
perché, credimi, è bello
poterti ricordare. 

 

E che gioia sarebbe
se anche il tuo cuore
avesse tenuto
il mio “piccolo” amore.

 

7 pensieri su “Un sogno d’amore”

  1. Gli amori sui banchi di scuola, a mio avviso, sono indimenticabili, non crescono con noi, rimangono giovani e freschi, e sono i ricordi a cui si attinge nelle giornate buie e senza sole, credo che sia così per tutti, o almeno per tutti coloro che hanno provato il batticuore fra un libro e un vecchio banco di legno.
    Ciao. sandra

  2. Gli amori di quegli anni non si dimenticano mai. Forse perchè sono i primi veri battiti di cuore, oppure perche esso non è ancora stato contaminato dalla delusione, dal dolore, dal tradimento, dall’abbandono. E’ amore puro, limpido, perciò così fisso nei ricordi. Forse diventa desiderio di poterlo ritrovare, un giorno, in un altro viso ma con la stessa intensità. Se ci pensi, in fondo viviamo solo per questo.
    Mary

  3. Difficili da dimenticare certe emozioni. Io ricordo ancora un ragazzo a scuola innamorato pazzo di me, a quel bacio sulla guancia dato per sfinimento….. vuol dire che qualche cosina é rimasta.

  4. Anche io ho un ricordo di un ragazzo che spesso e volentieri torna a fare visita nel mio cuore. Di lui come te non ho una foto ma solo attimi rubati di uno sguardo che non so se casualmente cadeva su di me o volutamente. è un ragazzo che non ho mai conosciuto neanche come amico. Se avessi conquistato la sua amicizia mi sarei sentita forse meglio. Ma la vita prosegue…
    Molto bella cmq la poesia.
    Ciao.

  5. il mio primo amore… quasi una tragedia… i miei errori, i suoi …non è stato, nè sarà mai ma lui, i suoi sguardi, le poche parole e gli infiniti momenti non conoscono stagioni! sono passati molti anni e molti dolori ma nel cuore c’è e guardo a volte questo insondabile mistero che è l’amore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *