Vi racconto la felicitá

“Ciao, come stai?” Mi chiedi mentre mi baci la guancia un po’ più a lungo di quanto è normale, ed io mi lascio cullare da quella sensazione e da quelle parole che adoro; per me, chiedere come stai è uguale a dire ti voglio bene. Allora ti sorrido, devo ripagarti in qualche modo, tu adori il mio sorriso me lo dici sempre, e adori quando sono così sfacciatamente presuntuosa. Ti guardo mentre vai in cucina, sento la porta che si apre e… ”che si mangia?” E allora parte la mia risata ”pollo” lui odia il pollo ”io odio il pollo!” Ti conosco, conosco i tuoi pensieri, i tuoi progetti e le tue fisse; siamo cresciuti insieme, e la mia mente parte mentre ti guardo mangiare, mentre nostra figlia non ti dà tregua con le canzoncine dell´asilo, mentre nostro figlio vuole raccontarti come è andata a scuola, mentre mi guardi rassegnato all´assalto ed io fingo di essere solidale, ma con una risatina che mi smentisce. Ripenso alle cose belle, a quanto eravamo giovani, troppo giovani, al primo bacio, alle nostre passeggiate, alla nostra prima volta da soli al mare, al giorno del nostro matrimonio… tutto è fermo nella mia mente anche le volte che ti ho gridato contro e tu con i tuoi silenzi a spazientirmi ancora di più. Ti accorgi del mio sguardo assente e mi tiri più vicina, e allora torno al presente, alle voci allegre dei nosti figli. Che magnifico presente!

 

8 pensieri su “Vi racconto la felicitá”

  1. Cara Tilly é un bel quadro il tuo, della tua bella famiglia. Certo che é un magnifico presente, e sarà anche uno stupendo futuro, quando verrà la primavera per i tuoi figli e l’autunno per la vostra coppia. La forza della famiglia é codesta, con il pollo o con il coniglio in umido, con le risate e con i bronci. Sono un po’ più avanti di te e lo so.
    Complimenti.
    Sandra

  2. bello il tuo racconto e dimostra la tua semplicità.
    La felicità, contrariamente a quanto molti pensano, la si trova sopratutto nelle “piccole” cose, piccole per modo di dire perchè una famiglia come la descrivi tu è una gran cosa.
    con affetto, Salvo.

  3. Saper apprezzare senza rimpianti la vita di tutti giorni non é accontentarsi di poco, ma aver la fortuna di godersi appieno la vita.
    Bella.

  4. Un momento dolce e fresco che racconta un rapporto che si é fatto beffe del trascorrere dl tempo e conserva tutti i suoi piccoli, magici momenti fatti di espressioni e provocazioni. Grazie di avercelo regalato.

  5. Complimenti bellissimo… che dire?
    Ti auguro magnifico anche il futuro!
    Grazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *