Apostrofo. Quando si usa o non si usa l’Apostrofo?

maggio 18th, 2008

Poiché è frequente la confusione tra Accento e Apostrofo, ecco un elenco di parole che vanno sempre e solo scritte CON APOSTROFO, anche se, parlando, sembra che siano parole accentate, ma, scrivendo, bisogna, invece tenere conto del loro significato (gli esempi aiutano a comprendere):

da’ – es.: Carla, da’ il libro a Giovanni!

di’ - es.: Mario, di’ con parole tue cosa hai capito

fa’ - es.: Muoviti, fa’ in fretta, perché è tardi

mo’ - es.: Dire a mo’ d’esempio

po’ - es.: Un po’ di pane

sta’ - es.: Marco, sta’ fermo, per piacere!

va’ – es.: Fabio, va’ dritto a casa e non fermarti per strada

 

Particolare attenzione va prestata al modo in cui si scrive l’articolo indeterminativo UN / UNO, UNA / UN’ quando la parola che segue inizia con vocale.

Ecco degli esempi:

* un altro, un asino raglia, un elefante nella boscaglia, un orso marsicano, un intelligente progetto, un ulteriore rinvio.
In questi casi l’ARTICOLO è MASCHILE e NON VIENE APOSTROFATO.

* un’amica sincera, un’edera rampicante, un’orsa e i suoi orsacchiotti, un’ira improvvisa, un’uva molto matura.
In questi casi, poiché l’ARTICOLO è FEMMINILE, VIENE APOSTROFATO.

Quando UN / UN’ fanno parte di aggettivo o pronome composto, seguono la stessa regola ortografica.

es.: qualcun altro dica pure queste sciocchezze
nessun uomo dorma in questi momenti tragici
qualcun’altra ti amerà più di me?
nessun’altra nuotatrice ha mai vinto quel premio

ATTENZIONE!

* Non bisogna mai apostrofare la consonante “C” seguita dalle forme verbali del verbo avere inizianti per “h” oppure davanti a parole inizianti con vocale “a” / “o” / “u”.
Per esempio, “che c’azzecca” è sbagliato, oppure “c’ha detto” o ancora “c’udirai” (nel senso di “ci, cioè a noi, ha detto” e “ci udirai, cioè udirai noi”).
La particella pronominale “CI” NON si apostrofa MAI e non conserva suono dolce nei casi suddetti!

* Gli aggettivi TALE e QUALE  seguiti da parola iniziante per vocale NON SI APOSTROFANO MAI, neanche se seguiti da parola femminile.
Quando appaiono nella forma TAL o QUAL hanno subito un troncamento, non un’elisione e quindi NON si apostrofano.

* L’articolo maschile plurale GLI si apostrofa SOLO davanti a parola che inizia per “i”
es.: gli inglesi oppure gl’inglesi
Ma scriveremo: gli amici, gli ospiti, gli uccelli, gli elefanti…
E’ appena il caso di ricordare che davanti a “z”, “x”, “gn”, “ps”, “s + consonante (s impura)” si usa sempre l’articolo “gli”.
es.: gli zoccoli, gli xenofobi, gli gnocchi, gli gnomi, gli psichiatri, gli psicologi, gli sciocchi, gli spensierati, gli stupidi, …

* Gli articoli LO e LA si apostrofano davanti a parola iniziante per vocale.
es.: l’angelo, l’esquimese, l’ordine, l’intrigo, l’usciere, l’amica, l’edera, l’organizzazione, l’istrice, l’uva

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (124 voti, media: 4,40 su 5)
Loading ... Loading ...

142.210 letture

Trackback URI |