E altre notti verranno

Verrai da me

ladro d’amore

quando l’alba

stropiccia la notte

con sbadigli d’insofferenza

 

Verrai da me

con occhi famelici

a disfare d’artigli

il mio letto

di morte e innocenza

 

lasciando rotolare i tuoi sogni

di cartapesta

su lenzuola di pietra

come fossero

gemme preziose

 

Verrai da me

nelle notti di tempesta

e altre notti verranno

scolpite di noi

sotto lampioni arrugginiti

 

dal vento e dal sale

smorzati di nebbia

E fermerai sul mio viso

intriso di pioggia

un bacio mai dato

 

prima di svanire

nel manto

di cui s’avvolge

questa sera

sgualdrina…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *