3° Concorso Letterario Semestrale “Altrerighe”

TITOLO DEL CONCORSO  “IL SIGNOR F.”

Si potrà partecipare al concorso inviando i racconti brevi in forma cartacea tramite posta ordinaria o prioritaria (non si accettano racconti inviati per posta raccomandata) all’indirizzo:

casa editrice altrerighe – Salita Tasso, 9 – Cap 80127 – Napoli

oppure via telematica all’indirizzo e-mail:

concorsi@altrerighe.it

specificando nell’oggetto il titolo del concorso: “IL SIGNOR F.”
BANDO DI AMMISSIONE

1) Il materiale inviato non verrà in nessun caso restituito;

2) il racconto breve inedito dovrà essere inviato (una copia) agli indirizzi sopraindicati. Bisognerà inoltre accludere una breve nota con i recapiti dell’autore;

3) ogni autore potrà partecipare con un solo racconto breve;

4) non è prevista alcuna tassa di lettura o di iscrizione per partecipare;

5) la terza edizione di questo premio prevede una sezione unica. Il tema ed il titolo dei racconti brevi di questo concorso semestrale è: “Il Signor F.”;

6) il racconto non dovrà superare le tre cartelle*;

7) il racconto deve ispirarsi liberamente all’incipit fornito dalla redazione del premio;

8 ) l’incipit deve rimanere invariato;

9) l’incipit del racconto è posto nell’ultima parte di questo bando;

10) il racconto dovrà essere necessariamente redatto in Times New Roman, formato 12 pt. L’utilizzo di font, formati o parametri diversi da quelli sopra citati porterà all’automatica esclusione dal concorso;

11) scadenza: la durata del concorso è semestrale. Il racconto breve dovrà essere inviato entro e non oltre il 30 dicembre 2008;

12) i racconti saranno valutati, a giudizio insindacabile ed inappellabile della Giuria;

13) la Giuria sarà composta dai redattori della casa editrice;

14) i risultati del concorso saranno resi noti on line sul sito della casa editrice altrerighe: http//www.altrerighe.it;

15) per la terza edizione del concorso letterario semestrale altrerighe è prevista la scelta di un unico vincitore;

16) il vincitore riceverà tempestiva comunicazione;

17) il premio consiste nella pubblicazione on line del racconto migliore, per un periodo complessivo di sei mesi;

18) la partecipazione al suddetto concorso non preclude contemporanea partecipazione al concorso biennale indetto dalla altrerighe edizioni né alle successive edizioni del concorso semestrale.

INCIPIT DEL RACCONTO BREVE
3° CONCORSO LETTERARIO SEMESTRALE altrerighe

IL SIGNOR F.
“Era tempo di decidere. Dopo quella brutta, bruttissima giornata, il signor F. non ebbe più dubbi: qualcosa doveva cambiare, ed anche al più presto. S’infilò la giacca da camera a quadrettoni rossi e gialli e sedette alla scrivania di fronte alla porta finestra. Fuori pioveva e le luci dell’Hotel Corso erano accese sulla strada trafficata. Questa volta avrebbe programmato ogni cosa. Un promemoria dettagliato sarebbe stato il punto da cui partire. Accese il computer e cominciò a segnare il da farsi, una sorta di piano a cui attenersi scrupolosamente. Di colpo si sentì invadere da un senso di profondo benessere, come gli capitava ogni volta che…”

2 pensieri su “3° Concorso Letterario Semestrale “Altrerighe””

  1. Il concorso, con incipit, è stimolante. Quello che non mi convince è la casa editrice, che, in altra sede, non avendo vinto un concorso, mi ha invitata ad inviare altro materiale perchè mi trovava ‘interessante’. Quando ho chiarito che il materiale l’avevo, ma non intendevo pubblicarlo a mie spese, mi hanno risposto che allora cestinavano i miei testi. Pubblicano solo con contributo degli autori e con i concorsi cercano utenti.

  2. Ma che c’entra, anche io ho partecipato ad un precedente concorso e non ho vinto e anche a me hanno chiesto dell’altro materiale. Penso sia normale anzi anche lusinghiero perchè significa che del potenziale c’è. Poi comunque credo che qualunque piccola casa editrice utilizzi i concorsi per cercare tra l’altro autori da pubblicare. E’ il loro mestiere. Lo fanno la “major”…Inoltre, non credo sia un reato pubblicare un esordiente chiedendogli un contributo. Non rischiano le grandi case editrici anche di fronte a un manoscritto buono figuriamoci le piccole. Dipende poi da quanto viene chiesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *