L’albero di ciliegio

Nel giardino

dei cuori

incantati

non entrerò.

 

Mai.

 

Resterò fuori,

in attesa,

spiando

chi solo d’amore

sa vibrare.

 

Io vivo

nell’orto

tranquillo

dietro la casa

col ciliegio

in fiore.

 

10 pensieri su “L’albero di ciliegio”

  1. Ognuno fa le sue scelte. E’ così che é giusto vivere, pensare, sognare. D’altra parte chi ha già raggiunto la soglia della felicità, ha solo da mantenerla; vibra cercandola chi ancora non l’ha realmente trovata.
    ciao.
    sandra

  2. concordo con Sandra. La felicità è soggettiva, a volte basta un ciliegio per rendere incantato anche il nostro piccolo orto. La ricerca spasmodica di un clichè non è sempre felicità. Ciascuno sente il proprio bisogno di essa, lo materializza in un volto, in un suono, in una voce. Una serata intorno al fuoco a mangiare caldarroste mi ha reso molto felice, così come una pizza con gli amici in una pizzeria sconosciuta, una giornata al mare a dormire sulla spiaggia o un lui che mi ha fatto tremare le gambe. Ho un sacco di alberi di ciliegio che non cambierei con nessun giardino incantato.
    ciao
    Mary

  3. Stupenda. Carica di significati e sfumature. Credo che la felicità sia profondamente diversa dalla tranquillità, e forse non è che un battito d’ali, una sensazione…. reale?
    Chissà. Una domanda però mi sorge spontanea: perchè non entrerai mai nel giardino dei cuori incantati?
    Ciao!

  4. cara Madeleine,
    non sono capace di soli incanti.
    mi sa di tempo sospeso e mi ricorda la favola del soldatino che per salvare la sua bella tagliava il bosco con l’accetta di stagno e svuotava il lago con un ditale d’oro.
    per me la realtà è la realtà.
    la vera forza, e ovviamente la difficoltà, sta nel viverla.
    anche la realtà ha la sua bellezza.

  5. Poche righe che sono un…… distillato di saggezza e di coraggio.
    Molto bella.
    Ciao QS-TANZ.

  6. Io adoro le poesie brevi, immediate, talmente cariche di tutto che non occorrono mille parole. Non é facile azzeccare i termini giusti per arrivare, a me sei arrivata, come sempre.
    Ciao
    Tilly

  7. Bella e vibrante come un haiku giapponese… si sente la bellezza della natura che prende significato. Complimenti

  8. vi ringrazio tutti.
    per GiuseppeAntonio:
    grazie per aver riconosciuto l’intento di fondo.
    adoro gli haiku.
    essenziali.
    io scrivo poesie così che non posso sempre pubblicare, perchè nel nostro sito non vi è una categoria prevista.
    sarebbe comunque difficile, come sempre nella poesia haiku, valutare la bellezza del componimento, distinguendolo dalla semplice accozzaglia di parole; più difficile che in una poesia normale composta secondo canoni classici.
    un saluto caro a tutti.
    anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *