Come un vecchio gabbiano

Volo in zona,

plano in circolo su queste misere e desolate spiagge.

Le ali ancora mi sostengono ma colgo il passar del tempo

nello slancio alle altitudini e nelle strabilianti traiettorie dei nuovi nati.

Mi nutro, ora, più di vento

per l’imprecisa vista verso il cibo.

Per istinto emetto continui e sottili striduli

più simili a lamenti che a richiami

e al contempo cerco, ininterrottamente,

correnti ascensionali sì da sollevarmi,

seppur di poco,

da questa Terra.

 

21 pensieri su “Come un vecchio gabbiano”

  1. Dedico questa poesia a Ignazio Amico un uomo, un poeta, che più volte ha dimostrato rara sensibilità ed amore incondizionato per la natura.

  2. Un volo bellissimo, apprezzato in età matura, condiviso con la natura ma sempre ascoltando il proprio interno.
    Grande fortuna e continuo esercizio per l’uomo possedere questa capacità, é quella che ti fa alzare da terra.
    Ciao.
    Sandra

  3. ma che bella poesia…
    mi chiedo sempre quale possa essere il pensiero di un vecchio gabbiano che sorvola col battere lento delle ali il mondo che conosce e che sente sfuggirgli a poco a poco…
    anna

  4. Grazie Sandra, grazie Anna. Vedo che le spiagge son davvero misere e desolate…

  5. questa poesia, è un misto di sensazioni contrastanti, stanchezza, ma non resa, rimpianto ma non dolore, ma comunque sempre forza di rimanere al di sopra della banalità. Molto bella, bravo. Ciao da betta

  6. Grazie betta, hai colto in pieno il senso dello scritto. Grazie anche a te Grazia per aver colto profondità. Besos…
    Mi dispiace per i maschietti che hanno visualizzato soltanto il gabbiano nella loro mente, sfiorando l’essenza dello scritto che proprio a loro è dedicato.

  7. Poesia molto bella complimenti.. piacevole la trattazione della sconfitta e della rivalsa: ormai vedi irraggiungibili le straordinarie traiettorie dei giovani, ma riesci comunque a reagire sollevandoti a tuo modo, riesci comunque a toccare il cielo, e poi chissà, magari col tempo capirai che le traiettorie straordinarie erano le tue e non quelle dei nuovi nati.

  8. Grazie per aver letto e per aver apprezzato, non posso dire lo stesso del saggio consiglio in quanto :”le altitudini e nelle strabilianti traiettorie dei nuovi nati” si riferiscono al fracasso, alla gioia di vivere dei vent’anni cosa che non può più essere per me in quanto già lo è stato. Cordialità…

  9. Ogni età porta con sè la sua gioia di vivere e non è mai meno bella… baci.

  10. Grazie micina mia, ma non mi hai detto se ti è piaciuta. Ti abbraccio forte, forte, forte…

  11. Mi ha molto ben impressionato la tua poesia. Complimenti davvero perchè è piena di spunti di riflessione… Bravo davvero

  12. Ti ringrazio molto Giuseppeantonio, ricevere complimenti da chi scrive è doppiamente gratificante. Ciao, saluti cordiali…

  13. E’ una delle poesie più belle che ho letto e la più vera, poetica e profonda che ho scritto. Oltre che originale e innovativa. Se questo è un sito letterario di lettori ferrati non v’è traccia! Dove sono i critici di cose originali, belle, innovative e profondamente filosofiche?
    Scommettiamo che se la pubblico su altri siti avrà risonanza nazionale? Ma allora, voi, che cercate?

  14. Bellicoso?
    e va bene che siamo al 4 di agosto e fa parecchio caldo, ma non credo che nessuno dica che non sia una bella poesia, anzi.
    …ma Marylin, mi è piaciuta di più, più da uomo- uomo.
    qui siamo al tema dell’addio.
    e, ANCHE SE QUESTA POESIA MI PIACE, mi rattrista.
    sarà l’età (mia), sarà l’idea che un uccello non possa più librarsi in volo, ma….

  15. Gli uccelli o volano o muoiono, non sono così pietosi come gli uomini che arrancano ad una certa età. Quel gabbiano è solo agli inizi della sua maturità e la maturità, si sa, dà sempre grosse soddisfazioni. Quella è l’inizio della sua fase più bella, del volo ragionato…

  16. tu non hai parlato di un gabbiano nel pieno della sua giovinezza o della sua maturità, tu dici “come un vecchio gabbiano”.
    il vecchio è senescente, più che maturo
    se il poeta voleva paragonarsi ad un gabbiano, perchè non si è paragonato ad un gabbiano, che so, maturo, e si è invece paragonato ad uno vecchio e forse sul punto di cedere alla pressione dell’età, delle vicende della vita?
    vecchio è vecchio, maturo potrebbe equivalere a saggio, sapiente, esperto…
    che forse è l’idea sottintesa.
    o no?

  17. I gabbiani, come tutti gli uccelli diventano “vecchi” appena dopo la giovinezza e la loro età biologica non è paragonabile alla nostra. Un vecchio gabbiano è paragonabile esattamente ad un uomo della mia età (vedi biografia). Un bambino ci mette un anno e più per camminare, un uccello ad uno anno è già maturo.Per questo, come un vecchio gabbiano= un uomo che riesce ancora a volare seppur non con le traiettorie azzardate dei giovani. Grazie dei commenti…

  18. Ringrazio dal profondo del cuore il poeta Laerte per avermi dedicato la sua originale e stupenda lirica, gesto di amicizia che ho molto gradito e di cui sono grato all’Autore.
    Dalla lettura di questo pezzo, scritto magistralmente ed intriso di notevole afflato poetico, traspare l’amarezza di chi non si ritrova più certi slanci che solo i sogni giovanili sanno dare, ma anche l’indomita volontà della sfida, della lotta, per cercare di restare fuori da meschinità e compromessi.
    Bravo Salvatore e… ancora grazie.
    Ignazio Amico

  19. Ciao e grazie a te Ignazio. Ricordo che l’anno scorso ero un strano pulcino bagnato caduto in questo sito. Più volte mi hai confortato e spronato e più volte io ho ammirato le tue stupende liriche dedicate alla natura e all’universo intero. Mentre scrivevo questa lirica “Come un vecchio gabbiano” mi è venuta alla mente la tua persona e la tua sensibilità e così, diciamo, l’ho completata più per te che per me. Per questo ho voluto dedicartela. Cordiali saluti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *