Il dono più grande

Quando ti rimarrà soltanto

un lavoro che ti farai piacere per forza

quanto ti rimarrà soltanto

una casa vuota che riempirai con oggetti inutili

quando ti rimarrà soltanto

l’opaca sensazione di ricordi passati

quando ti rimarrà soltanto

il tuo egoismo camuffato

quando ti rimarrà soltanto

la certezza della morte

solo allora

forse

capirai

di aver rinunciato

al dono più grande 

che ci rende immortali

al dono cioè

di avere dei figli

5 pensieri su “Il dono più grande”

  1. Ciao, scusa me la potresti spiegare meglio questa frase:
    Quando ti rimarrà soltanto un lavoro che ti farai piacere per forza

  2. Premetto che questa è una poesia molto personale, quasi un messaggio per una persona in particolare e può risultare di difficile comprensione.
    Se vogliamo generalizzare nella frase che tu citi, il lavoro è inteso come una delle priorità della vita, messo prima di ogni cosa, ma un giorno ti accorgi che non ti ha dato tutte quelle soddisfazioni che ti aspettavi, ma te lo fai piacere lo stesso perchè ci hai speso molte energie, pensando che fosse la cosa più importante.

  3. questa è la poesia che avrei voluto dedicare a mio padre… a un padre che ci ha lasciato, a un padre che ha seguito un’altra strada diversa dalla nostra… a un padre che di sicuro come al tuo… forse in punto di morte, o chi sà, ritornerà…

  4. Bravo Andrea,
    condivido pienamente le Tue sensazioni e le Tue idee sull’enormità del dono di un figlio.
    La vera ragione di un’esistenza piena e completa che può condividere soltanto chi prova una tale esperienza.
    Hai indicato con lucida espressione, l’avidità e l’egoismo di chi vive per sè e cerca di gioire di piccole cose, credendole grandi e imprescindibili.
    Non c’è lavoro, non c’è soddisfazione più grande degli occhi sorridenti di Tuo figlio.
    Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *