Il silenzio del cuore

Mentre la mia vita scorre,

vedo incendiare i sogni…

i miei sogni.

Sogni di felicità,

d’amore,

un amore puro e leale.

Che sia facile da capire

E difficile da sciogliere.

Ma che mi faccia comprendere

Il vero valore dell’esistenza.  

Nello specchio della mia vita,

vedo ricordi sbiaditi

di una realtà ormai lontana… 

una realtà fatta di emozioni

che ha lasciato cicatrici invisibili all’occhio umano…

ricordi dolorosi, sfregi sul cuore, che restano pur sempre cicatrici…

che cambiano sembianze

se guardati con occhi diversi.

Adesso vedo scorrere immagini sbiadite

Che adorano proiettarsi nel mio grigio riflesso,

…un riflesso dai Colori impercettibili ad occhio nudo,

ma visibili col cuore…

un cuore che parla,

ma che sa altresì tacere.

Tace,

quando non c’è niente da dire.

Tace,

quando non c’è nulla da fare.

Tace,

quando gli si proibisce di palpitare…

ma che sa esultare

quando qualcuno lo riesce a guardare…

e nel proferire parole d’amore…

mi chiedo se…

io… un giorno…

riuscirò a volare…

 

2 pensieri su “Il silenzio del cuore”

  1. il cuore deve essere libero per poter volare; nessuna domanda, nessuna risposta. Nessun perchè. L’errore che spesso si fa, per cercare risposte a quel palpito o alla sua smasmodica attesa è chiedersi quando arriverà.
    Mary

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *