Erba Spezzata

Tu, bambino che abbracci un fucile e spari,

dimmi, cosa guardi nel cielo.

Io vedo un cielo di fuoco che illumina la notte.

Cammino tra i campi ed urto contro… la morte.

E tu, bambino che giochi libero imbracciando un fucile,

dimmi, raccontami di quando nei prati vedi fiori bianchi.

Io… non li vedo più!

Osservo solo occhi che non guardano più alcun colore,

orecchie che non sentono più alcun rumore.

Cuori che non provano più alcun dolore.

Erba spezzata, prati calpestati, fiori contaminati.

Io bambino Italiano chiedo a Dio per te,

un infinito giardino, che risvegli il tuo cuore ad una dolce passione.

 

5 pensieri su “Erba Spezzata”

  1. Hai saputo affrontare un tema difficile e drammatico con estrema delicatezza.
    Brava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *