Il sogno… la realtà

Sono in un prato,

un grande prato fiorito,

pieno di pace

e silenzio,

e lì vedo i miei sogni perduti

e impossibili

e finiti.

Ci sei anche tu nei miei sogni perduti

e mi tendi le braccia

e mi accenni un sorriso

ed io ti corro incontro,

a braccia tese,

e mentre ti sono vicino

ti sto per sfiorare…

si spezza il mio sogno, di colpo

e il prato diventa il mio letto,

e il cielo, una bianca soffitta,

e il sole diventa la luna,

e il giorno diventa la notte,

e tutt’intorno si trasforma,

e il silenzio adesso è caos nella mia mente,

la pace è tormento nel mio cuore,

il tuo sorriso è lacrime nei miei occhi,

la brezza leggera è vento freddo sul mio viso

e il dolce sogno è amara realtà nella mia vita.

 

11 pensieri su “Il sogno… la realtà”

  1. Ciao, discreta l’immaginazione. Dalla prima parola (sono) della breve poesia, si capisce che sei tu la protagonista e quindi, secondo la mia modestissima opinione, ritengo eccessivo l’uso dell’aggettivo possessivo (mio, mia) 5 volte negli ultimi 5 righi, 9 volte nella breve poesia. Spero sia una critica costruttiva, saluti…

  2. Una poesia dolce come lo sei tu. Percepisco un po’ di rimpianto, nostalgia e tristezza. Tutto quello che lascia un bel sogno al risveglio. Sono certa che la luce dell’alba non si può vestire con i colori della notte in eterno. Col tempo certe nuove realtà superano i sogni…
    Ciao.
    Sandra

  3. Malinconia e tristezza miscelate in una bella poesia scritta con la voglia di raccontare la “tua” storia.
    Brava come sempre.
    A rileggerti presto.
    Ciao. QS-TANZ.

  4. i nostri sogni, le nostre speranze e la realtà com’è.
    brusco ogni risveglio.
    sogno e realtà: la contrapposizione più dura, la conciliazione più difficile, la vita così come è.
    una bella poesia.
    mi piace.
    brava.

    ciao
    anna

  5. Realtà e sogno, due facce di un’unica medaglia.
    brava mi è molto piaciuta

  6. Per Laerte
    Ti ringrazio del commento, in effetti hai ragione, è che l’ho scritta d’un fiato e mi è piaciuta così, avrei potuto cambiarla, ma così mi è sembrata più sincera, anche se un po’ banale. Grazie ancora. Ciao da Betta

  7. Grazie Sandra, sei, come sempre molto gentile,
    grazie SQ-Tanz,
    grazie Anna e grazie Chiara. Un abbraccio per tutti voi. Ciao da Betta

  8. Ciao, mi fa piacere tu abbia colto lo spirito, a volte diventa tutto complicato. Spero di complimentarmi presto e bene…

  9. Una poesia molto delicata e venata da quella giusta dose di malinconia per qualcosa che si è perso, o forse non si è mai avuto, se non in sogno.
    Brava Betta.
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *