L’ultima per te

Cammino
attraverso le parole,
sulla spiaggia
dei tuoi
ricordi,
vestendomi
del presente,
baciandoti
le mani
di bambina,
cercando
di coprirti
dalla pioggia
di amarezza
che investe
la realtà
della tua
semplice
bellezza,
e tra le conchiglie
di una vecchia
conca deserta,
ho incontrato
un tuo sorriso,
e mi è sembrato giorno…

e ritorni
in me…
ad inventar
l’amore,
a disegnar
commedie,
schiacciando
ogni
mia paura,
accarezzando
il volto
della rabbia,
ad incantar
serpenti
e tigri,
a renderli
fiori
e cielo.

 

6 pensieri su “L’ultima per te”

  1. caro Ice sei veramente bravo.
    mi piace molto questa tua poesia che ritma le parole d’amore, intervallandole tra ricordi e descrizioni.
    mi piace che la realtà si illumini al ricordo-pensiero-confronto con la dolcezza della donna amata che sa con la sua presenza addolcire ogni momento di chi la ama, riamato.
    mi piace l’idea che l’amore possa generare il nuovo ed incantare la realtà e i suoi momenti difficili, ammansendo la fiera che c’è in ognuno di noi.
    un abbraccio
    anna

  2. Sono contento che ti sia piaciuta. L’ho scritta in un momento no, ma forse in quei momenti mi rendo sempre conto del significato d’aver al proprio fianco la persona che si ama, che è protagonista di tanti ricordi… 🙂

    ciao!!

  3. Complimenti alla tua sensibilità, a saperla cogliere e raccontare.
    Bravo.
    sandra

  4. la tua poesia è molto “vera”, autentica, sentita…!
    le parole scorrono armonicamente… durante la lettura… si intuisce che non sono forzate!
    bravo proprio!
    Michele8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *