Strade

Libero cazzeggiava su internet. Dopo una giornata in ufficio davanti ad un monitor Lcd non era il massimo dello sballo ma era necessario. Si sbatteva alla ricerca di un volo low cost. Non aveva mete prestabilite. Voleva partire. Voleva avere un obiettivo a medio termine. Qualcosa a cui aggrapparsi. Parigi, Madrid, Berlino, Dublino, ogni meta aveva il suo fascino, tante cose da visitare, tanto “nuovo” da vedere, godere, vivere. Adorava la dimensione del viaggio, era la sua preferita: era “leggera”, di passaggio, non richiedeva molto impegno, era molto stimolante come sempre quando c’è qualcosa da scoprire, crea tante aspettative, genera speranze e stimola la fantasia. Chi lo potrebbe mai dire? Magari incontri qualcuno, succede qualcosa che ti cambia la vita tipo sliding doors e anche se non ti cambia proprio un bel niente, il viaggio comunque ti renderà nuovo e un po’ diverso.
Libero lavorava alacremente su vari siti, col collo proteso verso il monitor, facendo facce sempre diverse e sempre buffe a seconda di quello che gli passava sotto gli occhi. Lui era così: non riusciva a rimanere indifferente con la faccia. Questa era molto più loquace di lui.
Linate-Parigi 78 euro! “Fantastico!”, si disse e compose il numero di Francesco per sentire cosa ne pensasse.
Un pensiero però lo turbò un attimo. “Il mondo è troppo piccolo, non ha abbastanza strade per perdermi”. Da dove diavolo gli saltava in mente una roba simile? Dove l’aveva letta?
“Sti cazzi! Tanto si va in aereo! Chi se ne frega che le strade son poche…” Rise da solo alle sua stessa battuta come, del resto, quasi sempre accadeva e schiacciò la cornetta verde del suo nokia.
Libero voleva fuggire dall’asfissiante quotidianità. Libero voleva fuggire un po’ anche da se stesso, ecco perchè era così desideroso di fuggire, ma non si sarebbe mai perso…

 

8 pensieri su “Strade”

  1. Se la logica della saggezza, e non i luoghi che dominano la distesa del mare, allontana gli affanni, chi solca il mare muta cielo, non natura. (Orazio)
    ciao
    anna

  2. Caro Libero, da se stessi non si sfugge, anzi biognerebbe trovare la strada per conviverci bene, tuttavia uno stop diversivo in qualsiasi altra parte, fuori dal quotidiano, può rigenerare il fiisico e la mente, ma il nostro “Io” viene sempre con noi…
    sandra

  3. Per quanto lontano possa andare, non potrò mai sfuggire a me stesso… e per quanto grande possa essere il mondo, non avrà mai abbastanza strade per perdermi…
    Era proprio questo il concetto di questo episodio.
    Spero di non sollevare tante polemiche come col precedente 🙂
    Buona giornata a tutti

  4. Ciao, un po’ troppo scontato. Non ti è venuta proprio la parola “tasto” al posto di cornetta? Buon Natale…

  5. Il mio ha la cornetta stilizzata di colore verde 🙂 magari è un pò vecchiotto:)
    Buon natale

  6. E’ scontato? Ma si quest’anno c’è la crisi, gli sconti si fanno prima di natale anche 🙂
    Scusa la freddura

  7. Ciao, anche il mio vecchio Nokia è così. Apprezzo molto l’aver intuito lo spirito del commento. Buonissimo natale a te Giuseppeantonio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *