L’uomo che ama la pioggia

L’uomo che ama la pioggia

ha detto che inonderebbe il Mondo.

E come vivremmo,

mi chiedo io?

Non riconosceremmo 

i prati, i boschi, le spiagge, le città,

ma solo grandi distese d’acqua.

L’equilibrio del Mondo

é perfetto com’é.

Ama pure la pioggia,

Uomo,

il  buio, la notte e l’oscurità tutta,

ma sposta il tuo sguardo più in là.

Non guardare solo a te stesso,

assapora anche l’aria diversa.

Oltre al bagnato

c’é anche il cielo d’argento

intrecciato col filo ramato.

Stupenda é la natura

il suo equilibrio,

la sua varietà.

Belle le stagioni dell’uomo

quando la sua vita

è un’opera d’arte.

  

13 pensieri su “L’uomo che ama la pioggia”

  1. Una poesia scritta con la leggerezza che ti fa onore.
    ti fa percepire come una persona aperta a tutto ciò che sta intorno, a tutte le sfaccettature che la conoscenza, la vita, la frequentazione e la natura stessa offrono.
    questo significa sapere essere generosi. innanzitutto con se stessi, poichè si vive senza essere legati a stereotipi che inficiano giudizi e possibilità.
    e poi vuol dire essere aperti verso gli altri, perchè permette di apprezzare ciò che vive al di fuori di noi.
    condivido questo tuo modo di sentire, anche se spesso il tirare bilanci, mi porta in seguito a vivere delusioni quando la generosità si scontra poi con l’approfittarsi dell’altro.
    ma la vita è così.
    o si sceglie di aprirsi al mondo o si preferisce la propria individualità.
    e tutte e due le scelte hanno limiti.
    una bella poesia, che come sempre capita per i tuoi scritti, offre ampi spunti alla riflessione.
    ciao
    anna

  2. Brava Sandra, la vita è bella in tutte le sue stagioni.
    Complimenti per la poesia.

  3. Aprirsi agli altri, non vivere solo di se stessi, ci arricchisce, perchè c’è sempre da imparare nella vita. Bella la tua poesia, come sempre la tua sensibilità mi è arrivata al cuore. E’ bello sapere che ci sono persone come te, grazie. Un abbraccio da Betta

  4. Leggendo la tua poesia mi sono riconosciuta nell’uomo che ama la pioggia, grave?… ciao e complimenti di cuore. lory

  5. Ringrazio tutti con un abbraccio.
    Per Loredana
    Solo il delitto, in ogni sua forma, é grave, amare la pioggia, no di certo.
    Grazie della lettura.
    Sandra

  6. Per Grazia
    Grazie tante per la generosità dei tuoi commenti.
    La riflessione é diventata una mia parente stretta, acquisita.
    Ciao.
    Sandra

  7. “…il cielo d’argento intrecciato con filo ramato” mi piace particolarmente questa immagine. Un bel componimento.
    Un caro saluto
    Katia

  8. E’ il cuore aperto a tutti con le sue mille braccia, che ama e odia e condivide ed abbraccia il mondo intero in tutte le sue forme e stranezze.
    L’anima è meno malleabile, è il tuo carattere e quindi la tua luce. E’ troppo nel profondo perchè possa essere distolta dal suo lavoro di formatrice di te stesso/a… credo.
    Hai comunque ragione, ed apprezzo la tua bella poesia.

  9. X Sergio
    Un bel commento degno di profonde riflessioni.
    Come sempre sostengo é il cuore, la parte più generosa, aperta e spontanea dell’essere umano, spetta poi alla mente filtrare e mediare il tutto, e l’Anima?
    Beh, lei quando tutto le va stretto, apre le ali e vola via nell’immenso, sa di saperlo fare e di poterlo fare.
    Grazie per aver letto ed apprezzato.
    sandra

  10. E’ come un tessitore che si diverte a scrivere i suoi fili nel mondo dall’alto, capisce molto, capisce di tutti e poi ‘sogna’ un mondo diverso dove la sostanza delle cose si sprigiona da un piccolo filo d’argento o da una piccola tela che sa solo volare nelle tenebre (inteso come profondità) del mondo. E ama proteggere tutti, come le filastrocche di parole del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *