La Maschera

Ho sempre vissuto come un vaso di creta plasmato dai capricci e voleri delle persone che frequentavo. Mi modellavano e, insoddisfatti, distruggevano per poi crearmi ancora una volta. E io non mi ero nemmeno resa conto di essermi costruita palcoscenici e maschere di ogni genere e per qualunque situazione. Mentire ed ingannare mi era così naturale che avevo finito per credere alla mia stessa recita. Ammetto che mi era comodo: non dovevo pensare, né prendere decisioni, lo facevano altri per me e io dovevo solo seguirli. Soffrivo limitatamente perché, colei che veniva ferita, era solo la parte superficiale di me, la mia Maschera. Avrei potuto continuare questa vita sino alla fine dei miei giorni, senza accorgermi di nulla, perchè ero convinta che la Maschera fossi io. Ma Destino, folle e capriccioso, ti prese per mano e ci fece incontrare. Mi piombasti addosso all’improvviso, come un acquazzone che, rapido e minaccioso, sovrasta e sconvolge un sereno cielo estivo. Le tue parole, dolci come zucchero e pure come la neve appena caduta, raggiunsero la vera me stessa sopita all’interno della Maschera e la destarono. Fu allora che mi resi conto di essermi costruita una prigione dorata da cui volevo disperatamente uscire. Ma non potevo. La Maschera non voleva lasciarmi, perché farlo significava cessare di esistere, quindi faceva leva sulla mia debolezza e sulla paura di cambiare, di scoprire una nuova me che non conoscevo. Più la Maschera lottava per radicarsi in me, più tu cercavi di strapparmela via per vedere cosa nascondeva. Un giorno, raccolsi tutto il mio coraggio e la ruppi, perché troppa era la voglia di correrti incontro a braccia aperte e donarti il mio vero cuore. Ma tu, veloce e furtivo come l’acquazzone, te ne eri andato. Eppure il cielo non tornò sereno. Con rimpianto, osservai i frantumi della mia Maschera. Guardandola, vidi il mio stesso viso fatto a pezzi, la bocca deformata in un ghigno che sibilava: “Te l’avevo detto… Io volevo solo proteggerti… Tu non sei in grado di farlo da sola. Sei fragile come un vaso di creta, per questo mi avevi costruito, ricordi?” La raccolsi e, piangendo, la strinsi forte al mio petto come se volessi consolare quel cuore che, per la prima volta, era stato ferito. Che cosa avevo fatto? Avevo ucciso chi mi aveva protetto finora e ne avevo ottenuto solo sofferenza. Che cosa avevo fatto? Assillata dai sensi di colpa, lentamente, mi perdetti. Per non impazzire di dolore, mi strappai il cuore dal petto e, ancora pulsante e insanguinato, lo nascosi in modo che nessuno l’avrebbe più ferito. Incapace di provare sentimenti, diventai una bambola e mi ritrovai assieme ad altre uguali a me, anche se io ero stata diversa da loro, con solo un corpo da amare.

 

7 pensieri su “La Maschera”

  1. Bellissimo racconto di vita, esposto con sincerità e profondità. La malinconia che si evince dal testo è quella di una persona ferita e delusa, costretta a vivere con il cuore imprigionato… forse vale la pena di rischiare ed essere se stessi per essere felici!
    un abbraccio, rosatea.

  2. Ciao..voglio solo dirti che ho letto anche altri tuoi racconti e penso che sei molto brava a scrivere.
    Riesci a catturare il lettore.
    I tuoi scritti si leggono tutti in un respiro, ogni frase trascina l’altra…
    Complimenti.
    Andrea

  3. un bel testo che tratta in modo sofisticato la difficoltà di riconoscere se stessi, ammettere e accettare la realtà e il cercare di uniformarsi per nascondersi nel gruppo.
    molti si potranno riconoscere.
    ciao.
    anna

  4. Di nuovo complimenti. Racconto scritto stupendamente che tratta un tema importantissimo dove, credo tutti, qualche volta nella vita ci siano dovuti passare, con la speranza di essere promossi..

  5. Leggeremo questo tuo scritto sabato 21 ottobre 2017 alla Biblioteca Annalisa Durante nel corso del dibattito “Ognuno ha una maschera: letture, riflessioni ed esperienze”. Spero ti faccia piacere. Pino Perna, presidente Associazione Annalisa Durante di Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *