Concorso nazionale di Narrativa giudiziaria inedita “Legal Drama Society”

Articolo 1 – Il concorso

È indetto il primo concorso nazionale di narrativa giudiziaria inedita, anno 2009, organizzato dalla Legal Drama Society, in collaborazione con Colorado, Giuffrè Editore e Kowalski Editore, e avente ad oggetto:

a) racconti inediti di argomento legal e processuale in lingua italiana, anche storici o con ambientazione storica;

b) romanzi inediti del genere legal thriller in lingua italiana, anche storici o con ambientazione storica.

Articolo 2 – Requisiti soggettivi di partecipazione

Dato il tema narrativo molto specifico e delimitato (una questione processuale o, comunque, una vertenza legale), il concorso è riservato ad avvocati, praticanti legali, magistrati anche onorari e in pensione, notai, cronisti giudiziari, cancellieri, studiosi universitari in materie giuridiche (dottorandi, assegnisti, borsisti, ricercatori e professori), investigatori privati, periti giudiziari, medici legali, consulenti tecnici, esponenti delle Forze dell’Ordine, dottori commercialisti, consulenti del lavoro e giuristi d’impresa.

La giuria si riserva di prendere in considerazione ai fini della valutazione, in casi eccezionali e motivati, manoscritti inviati da soggetti non appartenenti alle categorie sopra indicate.

Non possono prendere parte al concorso i membri della Giuria e i loro familiari.

Articolo 3 – L’oggetto del concorso narrativo

Il racconto, o il romanzo, deve essere connotato da un primario aspetto legal, sia in un’ottica di legal thriller classico sia in un’ottica di melodramma legale.

Verranno presi in considerazione unicamente costrutti narrativi che ruotino attorno al processo o ad una o più questioni legali, anche stragiudiziali. Sono ammessi, ma solo “di contorno”, aspetti investigativi-noir-hard boiled; il cuore dell’opera deve essere, comunque, legal.

Articolo 4 – I requisiti del manoscritto

Il manoscritto può prendere la forma di:

a) un racconto. In tal caso il racconto dovrà essere: 1) inedito e originale (mai pubblicato, anche parzialmente, né su supporto cartaceo né online, e dovrà essere mantenuto inedito, pena l’esclusione dal concorso, sino alla decisione della Giuria; 2) lungo al massimo 60 pagine, intendendo come “pagina” un foglio/cartella contenente 2.000 caratteri spazi inclusi (quindi la lunghezza massima potrà essere di 120.000 caratteri, spazi inclusi); 3) stampato su carta e inviato alla segreteria del concorso – non si accettano contributi in formato elettronico – entro il 30 giugno 2009.

b) Un legal thriller. In tal caso il volume deve essere: 1) inedito e originale (mai pubblicato, anche parzialmente, né su cartaceo né online, e dovrà essere mantenuto inedito, pena l’esclusione dal concorso, sino alla decisione della Giuria; 2) stampato su carta e inviato alla segreteria del concorso – non si accettano contributi in formato elettronico – entro il 15 settembre 2009.

Il manoscritto deve essere riposto, in unica copia, all’interno di una busta chiusa e inviato, a spese dell’Autore, all’indirizzo della Segreteria; i manoscritti inviati non verranno in nessun caso restituiti. Si considera come termine facente fede ai fini della partecipazione al concorso la data di spedizione del manoscritto.

Al manoscritto deve essere allegato un breve curriculum contenente le attività personali e professionali dell’Autore e una breve sinossi/scheda dell’Opera.

Articolo 5 – La designazione dei vincitori

La Giuria, entro la fine del 2009, designerà il vincitore del concorso per il miglior racconto e il vincitore del concorso per il miglior romanzo di genere legal thriller.

La giuria si riserva di non decidere e di non assegnare il premio nel caso tutti i manoscritti inviati fossero ritenuti non meritevoli di valutazione positiva.

Articolo 6 – I premi

Il premio per gli Autori del miglior racconto e del miglior legal thriller consiste in un omaggio di libri, una targa e una pregiata ed esclusiva penna a sfera Montblanc recante l’incisione delle iniziali della Legal Drama Society.

La giuria può prevedere menzioni e premi speciali per opere che si siano particolarmente distinte.

Articolo 7 – La pubblicazione/rappresentazione dei lavori migliori e il diritto di priorità

Gli editori e le case di produzione in seno alla giuria della Legal Drama Society (Giuffrè Editore, per la parte più saggistica/letteraria e i racconti, Kowalski Editore per l’ambito dei legal thriller e Colorado per quanto riguarda la traduzione degli scritti in fiction, sceneggiature o film) si riservano di contattare gli Autori dei contributi migliori al fine di vagliare, insieme a loro, le condizioni e la possibilità di pubblicare, in una raccolta, i racconti ritenuti migliori e, nelle collane editoriali ritenute più opportune, le opere considerate meritevoli di pubblicazione, o al fine di adattare la trama dell’Opera o del racconto in fiction/film/serie televisive.

L’Autore, partecipando al concorso, conferisce ai due editori e alla casa di produzione la prelazione nel diritto di pubblicare l’opera nel caso l’editore la ritenesse meritevole di pubblicazione; tale diritto vale per il periodo di sei mesi dalla comunicazione degli esiti del concorso.

Articolo 8 – Il costo di partecipazione

Per i soci supporter e ordinari della Legal Drama Society, la partecipazione al concorso letterario è gratuita. Il costo di partecipazione al concorso per i non associati e i simpatizzanti della Legal Drama Society, volto a coprire le spese per l’attività di accurata lettura da parte degli editor, è fissato in 25 (venticinque) Euro sia per i racconti sia per i legal thriller. Ciascun Autore può partecipare soltanto con un racconto o un thriller.

Articolo 9 – La segreteria del premio e l’invio dei plichi

Il comitato di gestione e la segreteria del premio hanno sede presso la Legal Drama Society, via Larga n. 6, 20122, Milano. E-mail: info@legaldrama.it Il plico contenente il manoscritto, il curriculum dell’Autore, la breve scheda dell’Opera e, nel caso l’Autore non fosse associato alla Legal Drama Society, l’attestazione dell’avvenuto pagamento della quota di partecipazione, deve essere inviato, a spese dell’Autore, al seguente indirizzo:

Legal Drama Society, via Larga n. 6, 20122, Milano.

Il pagamento della quota di partecipazione deve essere eseguito, prima dell’invio del manoscritto, con versamento sulle seguenti coordinate di conto corrente (causale: “partecipazione al concorso di narrativa inedita”, seguito da nome e cognome):

IBAN: IT43P0760101600000094359379 (Poste Italiane, c/c n. 94359379, ABI 07601 CAB 01600)

Articolo 10 – Informativa privacy

A norma dell’articolo 13 del d.lgs 196 del 2003 la Legal Drama Society, in qualità di titolare del trattamento, informa che i dati resi dai partecipanti al concorso di narrativa giudiziaria inedita saranno trattati solo ed esclusivamente per le finalità connesse allo svolgimento del concorso e della successiva premiazione. I dati saranno trattati con modalità cartacee ed elettroniche. I dati relativi a professione, nome, cognome, indirizzo postale, e-mail, un recapito telefonico sono da considerarsi obbligatori ai fini della partecipazione al concorso. Un eventuale rifiuto al trattamento di tali dati comporterà l’esclusione dal concorso. I dati dei partecipanti potranno essere comunicati solo ai soggetti interessati dal presente concorso (giuria e componenti del comitato scientifico). In ogni caso l’interessato potrà esercitare i diritti di cui all’art. 7 del d.lgs 196 del 2003.

Articolo 11 – Giuria del Premio letterario e del concorso di narrativa

Leggeranno e valuteranno i manoscritti: Manuela Bianchi, Avvocato, Foro di Milano, Direttivo Legal Drama Society; Matteo Bianchi, responsabile editoriale area scientifica universitaria, Giuffrè Editore, Milano; Maria Teresa Carinci, Università degli Studi di Milano; Cristina Cattaneo, anatomo-patologa, Università degli Studi di Milano; Daniela De Rosa, editor, Kowalski Editore, Milano; Walter Galbiati, cronista giudiziario, La Repubblica, Milano; Mario Gerosa, scrittore; Matteo Giacomo Jori, Avvocato, Foro di Milano, Direttivo Legal Drama Society; Carmen Leo, Avvocato, Foro di Milano, Direttivo Legal Drama Society; Luca Lupària, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi di Teramo, Direttivo Legal Drama Society; Pierluigi Perri, Avvocato, Foro di Bologna, Direttivo Legal Drama Society; Veronica Picciafuoco, Direttivo Legal Drama Society; Paolo Roversi, scrittore; Virginio Sala, libero professionista, già direttore editoriale di Apogeo e docente di editoria multimediale presso l’Università degli Studi di Firenze, Milano; Angela Santangelo, Università degli Studi di Milano, Direttivo Legal Drama Society; Veronica Squizzato, Direttivo Legal Drama Society; Maurizio Totti, produttore, Colorado, Milano; Chiara Ugoste, responsabile editoriale area professionale, Giuffrè Editore, Milano; Giovanni Ziccardi, Presidente, Legal Drama Society.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *