Trema la terra, trema il cuore

Per tutte le vittime del terremoto in Abruzzo

 

In un momento,

case che come carta

si sgretolano al suolo,

attimi che non passano mai,

secondi che ti lasciano senza parole

pianti di chi ha perso tutto, anche i sogni,

dolore per le vittime di questa natura,

che non perdona.

Come siamo finiti uomini!

Come siamo impotenti davanti

alle manifestazioni della natura.

Così in un turbinìo di emozioni,

travolta da molte sensazioni

penso alla mia gente trafitta nel cuore

ma coraggiosa nel darsi da fare,

gente fiera ed orgolgiosa,

che ti offre quel poco che ha con il cuore,

questo è l’Abruzzo dai mille colori.

 

6 pensieri su “Trema la terra, trema il cuore”

  1. Hai lasciato un senso di accoramento in chi la legge, forse perchè trattasi di un avvenimento reale e quel “gente trafitta” mi è sembrato ‘gente trafficata’ che si muove e si ‘sposta’ anche nell’animo; è una poesia che lascia molto fiato, partecipazione e poi la semplicità della tua terra, che come dici tu al finale ha “mille colori”, l’hai ben dentro manifestata.

  2. La nostra pochezza e la nostra impotenza, si manifesta continuamente davanti a questi tragici eventi, dove il dolore e lo strazio arrivano a malapena a farci accettare ogni accadatuto.
    La speranza, la dignità e la solidarietà sono componenti che nel nostro Popolo sorgono spontanei ed immediati a farci rialzare la testa.
    Con il cuore e la mente vicina, un pensiero d’affetto.
    Sandra

  3. Una bella poesia, Chiara, sincera e sentita. Il cuore trema, ma ci ricorda che siamo ancora vivi, nonostante tutto.
    Un abbraccio
    Katia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *