Dipinto

Scene già viste sono i tuoi giorni

Passano in fretta sempre più uguali

Cerchi un rifugio per non pensare

Al tuo dolore e non ne parli

Dimmi se questa si chiama vita

Spesso ti chiedi dov’è finita

La libertà di volar via

Guardando i bimbi con nostalgia

Lacrime scendono senza comando

Sempre più calde bruciano il viso

I tuoi pensieri sono ormai troppi

Sogni di vivere dentro un dipinto

Colori accesi in prati fioriti

Raggi di sole sfiorano il cuore

Sentirsi liberi di respirare

E pensi a te stesso senza rancore

L’alba di un nuovo giorno è vicina

Sali i gradini della tua vita

Comodamente e senza fatica

Steso e beato nel tuo dipinto

4 pensieri su “Dipinto”

  1. “Steso e beato nel tuo dipinto” originale, la scena di antico volteggia nuove parti nella poesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *