Dio

Timbrami un sorriso

che si pisoli nell’anima.

Timbrami nel cuore

che sgocciola di stelle rubate,

sogni dimenticati.

Timbrami nella mente

che nasconde fotografie

di un “non vedere niente”.

Timbrami di Te!

Di pezzi di cielo,

che si è perso

nel cuore dell’uomo,

che ha sfoderato le armi,

scordandosi

del Tuo perdono.

Timbrami un sorriso

che sappia tanto

di paradiso.

Un pensiero su “Dio”

  1. Trovo questa invocazione come una preghiera al passo col cuore di una persona giovane che aderisce ad un linguaggio differente, quasi uno slang comprensibile agli adepti di uno stesso gruppo.
    Un timbro di appartenenza, una marchiatura a fuoco.
    Madre Teresa desiderava farsi matita, Naida che sempre rivendica nelle sue liriche la sua adesione ad un ideale inequivoco, parla di timbro.
    E’ importante nella vita sapere da che parte ci si ritrova, l’Autrice di questa lirica lo sa.
    anna

    5 st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *